One Piece: ecco chi interpreta Luffy nella serie animata pronta per Netflix

Redazione 10 Novembre 2021
493 Visualizzazioni

Scopriamo le novità della serie tv One Piece: tutto il cast e un diciottenne emergente, Iñaki Godoy

Si chiama Iñaki Godoy l’incarnazione di Monkey D. Luffy nella seguitissima serie animata di One Piece, in fase di adattamento per Netflix.
Dieci episodi prodotti da Tomorrow Studios, che ha già realizzato parte di Cowboy Bebop, e Shueisha.

La serie One Piece svela un cast che, oltre Godoy, vede Mackenyu nella parte di Rornoa Zoro, Emily Rudd che sarà Nami, Jacob Romero Gibson nei panni di Usopp e Taz Skylar che sarà Sanji.

Le avventure di Monkey D. Luffy e del suo equipaggio di pirati compongono storie di esplorazione di un mondo fantastico bagnato da oceani immaginifici e isole esotiche.

Naturalmente vanno tutti alla ricerca di un incredibile tesoro mentre ci si gioca la possibilità di diventare il prossimo Re dei Pirati.

Ma chi è questo Iñaki Godoy, prossima star della Gen Z grazie a One Piece?

Messicano, nato il 25 agosto del 2003 ha recitato in La Querida del Centauro nel 2016, iÁnimo Juventud! nel 2020 e Blue Demon nel 2016. Ha avuto anche un ruolo nella serie Netflix Who Killed Sara? del 2021. Una soap poliziesca dove ha recitato nei panni di Bruno.

Per impostazione e sorriso c’è già chi lo paragona a un giovane Banderas, ma è davvero molto presto per esaltarlo.

Se vi interessa sapere chi è suo padre, sfogliate il suo profilo Instagram, che ha aperto nel 2015. Qui lo presenta piuttosto bene.

Il resto del cast di One Piece

Steven Maeda è autore, showrunner e produttore degli episodo, in collaborazione con Matt Owens. Nel team ci sono anche Marty Adelstein e Becky Clements. Eiichiro Oda, il milionario autore del manga, ha dichiarato: «Quanti anni sono passati da quando è stata annunciata la serie? Lo so, lo so! Ma state certi che abbiamo continuato a fare progressi. Non è facile quando stai lavorando con persone provenienti da culture diverse. Ma è esattamente il processo che può portare a qualcosa di speciale».

LEGGI ANCHE

Perché la generazione Zeta deve guardare la serie tv dedicata a Maradona

IL senso di Squid Game per l’inquietudine

Rising Phoenix, il film di Netflix sulle Paralimpiadi

La terza stagione di Sex Education: Netflix sale in cattedra

L’intelligenza artificiale potrà salvare il pianeta? Forse sì

La casa di carta finisce davvero nel 2021 (no spoiler)

Femminismo e lavoro: la serie tv “educativa” per le Millennial