Rimedi contro le zanzare: mangiarle TUTTE. O una riviera romagnola senza ronzii resta utopia

14 maggio 2018
5 Condivisioni 691 Visualizzazioni

I primi mesi dell’anno sono stati caldi e piovosi: l’estate 2018 potrebbe essere ricordata per un’invasione di zanzare tigre e di zanzare comuni. Con l’entomologo Claudio Venturelli, il più grande esperto italiano delle piccole e ronzanti bastarde in questione, abbiamo cercato di capire quali siano i più efficaci rimedi contro le zanzare. E, soprattutto, se esista un folle modo per amarle nonostante tutto.

 

Professor Venturelli, lei che è romagnolo d’adozione e quindi per otto mesi all’anno lotta con le zanzare come i comuni mortali, provi a farcele rivalutare: a cosa servono?

Le zanzare svolgono un importante ruolo ecologico, sono animali che rientrano nella catena alimentare di molte specie viventi: pesci, anfibi, uccelli, rettili e pipistrelli. Tra un po’ forse rientreranno anche nella nostra dieta, chissà…

Quindi o le divoriamo TUTTE o la prospettiva di una riviera romagnola senza zanzare resta utopistica…

Sì, i rimedi contro le zanzare non sono mai definitivi. Sono molto prolifiche e noi umani le aiutiamo a trovare una casa dove allevare i figli. Basti pensare che da due zanzare nate in aprile, se tutto filasse liscio per loro, a fine ottobre si avrebbe un numero potenziale di circa 2500 milioni di miliardi… di zanzare svolazzanti. Niente male, no?

Qual è l’aspetto più affascinante della loro fastidiosissima esistenza?

Sono insetti molto evoluti, compiono voli acrobatici incredibilmente audaci e sentono il nostro odore a 70 metri di distanza. È così che ci trovano. Sono capaci di raggiungerci e morderci senza farsi notare perché hanno studiato strategie sofisticate che consentono loro di perforare la pelle, succhiare una goccia di sangue, e allontanarsi indenni.

Visto che come studioso ci convive da anni, ci si è affezionato?

Difficile anche per me provare una vera simpatia per questi fastidiosi e ronzanti insetti, però dopo tanti anni devo ammettere che sono molto affascinato dalla loro livrea e dalla loro capacita di adattarsi ai diversi ambienti. Insomma, è un po’ amore e un po’ odio, i due sentimenti si bilanciano bene e stimolano la mia curiosità per conoscerle sempre meglio.

Quando ne ammazza una si sente in colpa?

Se riesco a prenderne una sono felice, soprattutto se lei è la responsabile delle mie notti insonni e dei pruriginosi pomfi.

È vero che i maschi vivono molto meno delle femmine e non pungono?

I maschi vivono circa una settimana e le femmine circa un mese. Solo le femmine pungono, o meglio mordono con il loro apparato boccale pungente succhiante, perché necessitano di proteine per maturare le uova, e il nostro sangue è altamente proteico.

Insomma, un modello per il femminismo umano…

Non saprei…

Quali sono i più efficaci rimedi contro le zanzare?

E’ importante adottare qualche piccolo accorgimento. Le zanzare riescono a compiere il proprio ciclo vitale solo dove c’è acqua, quindi eliminando ristagni inutili e trattando quelli utili (oppure coprendoli con un telo teso o zanzariere) si riduce immediatamente il numero  di insetti ronzanti in circolazione. Quindi la prevenzione e la conoscenza sono gli elementi fondamentali per contrastare le zanzare.

Lei riesce a non grattarsi?

Ahimè…no! Sono molto gradito alle zanzare e la mia reazione alle loro punture è decisamente pruriginosa.

Questa sarà un’estate particolarmente piena di zanzare?

Per il momento possiamo dire che quest’anno le zanzare sono arrivate con un po’ di anticipo e questo è dovuto  all’alternanza di piogge e sole. Questi primi mesi dell’anno sono stati all’insegna del caldo…

Come mai, col libro Il santuario dei cetacei (Historica), è passato dallo studio dei minuscoli insetti a quello degli immensi mammiferi marini?

Con le zanzare ho un rapporto molto serio, di lavoro. Non le lascerei mai. Con i cetacei ho un rapporto che definirei emozionale. Sono sempre stato attratto dai delfini e fin da bambino … dall’idea di incontrare una balena. Per circa otto anni ho insegnato zoologia alla facoltà di Veterinaria di Teramo e proprio con alcuni studenti decidemmo di fare un viaggio di studio per la loro osservazione. Questo ci portò a contattare l’Istituto Tethys e con i biologi che vi lavoravano facemmo questo viaggio fantastico. Dopo 10 anni Sabina Airoldi, responsabile scientifico di Tethys, mi ha invitato a partecipare a una nuova missione di studio, io ho accettato e da queste 2 esperienze è nato il libro. Il coautore è proprio uno dei mie ex studenti, un medico veterinario che attualmente si dedica allo studio di Balene, delfini e capodogli. La vita è bella perché è varia … ma anche perché ci offre molte opportunità. A volte sta a noi saperle cogliere.

 

Dopo aver scoperto i migliori rimedi contro le zanzare, LEGGI ANCHE:

Ideona per l’estate 2018: feste di sesso per millennial in barca, a Rimini come a New York

Nuove tasse 2018: se il M5s introducesse l’imposta sugli insetti?

Come manipolare la mente? Già 50 anni fa il primo chip nella mente di un toro

Potrebbe interessarti

Sono Giapponese! Lesson 50? Come affrontare le riunioni di lavoro? Ce lo insegna il Giappone!
Appuntamenti
21 visualizzazioni
Appuntamenti
21 visualizzazioni

Sono Giapponese! Lesson 50? Come affrontare le riunioni di lavoro? Ce lo insegna il Giappone!

Kentaro Hara - 21 ottobre 2018

Come affrontare le riunioni di lavoro in Giappone? Cerca di non essere considerato presuntuoso, altrimenti devi accettare l’ordine silenzioso dei…

Scarpe V design: lusso intelligente per Millennial dal cucchiaio di legno
Moda
7 condivisioni94 visualizzazioni
Moda
7 condivisioni94 visualizzazioni

Scarpe V design: lusso intelligente per Millennial dal cucchiaio di legno

Consuelo Crespi - 20 ottobre 2018

Le scarpe V design sono un connubio di lusso e minimalismo, e un ritorno all’artigianalità italiana. Per Millennial che, al…

Something in the Way testo: i Nirvana ci hanno rovinato l’adolescenza  
Cultura
3 condivisioni69 visualizzazioni
Cultura
3 condivisioni69 visualizzazioni

Something in the Way testo: i Nirvana ci hanno rovinato l’adolescenza  

Consuelo Crespi - 19 ottobre 2018

Questa mattina mi sono svegliata e, scrollando le varie pagine social, una notizia spaventosa mi è capitata davanti agli occhi. “NIRVANA REUNITED”, con l’immagine…