Sono Giapponese! Lesson 51. Morto Keiichiro Kimura, creatore dell’Uomo Tigre. Diceva: i miei cartoni sono rock!

24 ottobre 2018
12 Condivisioni 122 Visualizzazioni

“Le mie opere d’animazione sono rock!”, diceva a suo figlio il Maestro Keiichiro Kimura, che creò l’Uomo Tigre e adesso è morto. Ecco chi era!

 

È scomparso in Giappone uno dei maestri nel settore Animazione Keiichiro Kimura, che si occupava di character designer ed era direttore responsabile dell’animazione fin da 1961. – Sono il “Rock” le mie opere! raccontava il maestro KIMURA e questa frase ci spiega tutto quanto aveva nel suo sangue giapponese nei confronti del suo mestiere.

 

Da L’uomo tigre, a Sally la maga Trider G-7 fino a ONE PIECE, le sue opere abbracciavano, anzi, afferravano il cuore non solo di tutti i ragazzini ma anche degli adulti in epoca Showa (fino al 1989) e Heisei (dal 1989 in poi). Tutti i protagonisti nelle opere di Keiichiro Kimura, eroi ed eroine, erano letteralmente l’idolo di tutti a quei tempi e in molti sognavano di lanciarsi in volo d’angelo dal ring e poi di uccidere Mister X. Non potevano essere così affascinanti da attirare l’attenzione di tutto il Giappone senza la sua tecnica proveniente dalla sua propensione innata.

 

Nel corso di un paio di anni, dal 2010, siccome l’influenza era talmente forte nel nostro cuore e nella nostra anima, mettendosi in piedi nella scia dei ricordi della sua animazione un anonimo, sotto il falso nome di Naoto Date, come il protagonista dell’Uomo Tigre, ha regalato tre decine di borse da scuola elementare ai ragazzini di famiglia povera o cresciuti senza i loro. Dopo questa notizia, in Giappone è arrivato il boom di regali ai bambini poveri delle scuole elementari. In ogni caso non si sa se dietro Naoto DATE ci fosse sempre la stessa persona o invece un complesso di persone accomunate dallo spirito umanitario dell’Uomo Tigre.

 

Detto questo, si deduce che un carattere tratto da una opera di Keiichiro KIMURA fosse talmente affascinante e rimanesse dentro di noi giapponesi come eroe anche fuori dal contesto dei cartoni animati.

 

Come abbiamo visto di sopra, in Giappone gli anime non solo facevano parte dell’intrattenimento per i bambini, ma anche o meglio dire “anzi” che sarebbe più adatto come termine, una sorta di educazione alternativa o supplmentare rispetto a genitori e insegnanti.

 

Essendo rimasto appena sull’orlo della categoria Popolo giapponese, io vorrei dedicare questo articolo a Maestro Keiichiro Kimura ringraziandolo infinitamente per le sue opere dotate di alta qualità e alta cultura.

 

LEGGI ANCHE:

Sono Giapponese! Lesson 50. Come affrontare le riunioni di lavoro? Ce lo insegna il Giappone!

Sono Giapponese! Lesson 49: Età media Giappone? Altissima. Ecco il segreto della loro lunga vita

Sono Giapponese! Lesson 48. Giapponesi ricchi: Yusaku Maezawa andrà a vedere la luna con l’astronave di Daitarn 3

Potrebbe interessarti

Provato per voi: un test sugli assistenti vocali. Con sorpresa
Internet
18 visualizzazioni
Internet
18 visualizzazioni

Provato per voi: un test sugli assistenti vocali. Con sorpresa

Redazione - 12 novembre 2018

L'assistente vocale alla prova dei fatti dimostra che l'intelligenza artificiale ha una sua personalità Usare gli smart speaker per testare…

L’altra Grace, la misteriosa serie Netflix di cui nessuno capisce il finale
Cultura
1 condivisioni25 visualizzazioni
Cultura
1 condivisioni25 visualizzazioni

L’altra Grace, la misteriosa serie Netflix di cui nessuno capisce il finale

Valeria Mangano - 12 novembre 2018

Se siete in astinenza da The Handmaid’s Tale e volete una serie breve da guardare in streaming nel weekend, mentre…

Quarter Life Crisis: la terribile crisi esistenziale dei 25 anni dei Millennial
Psico
17 condivisioni76 visualizzazioni
Psico
17 condivisioni76 visualizzazioni

Quarter Life Crisis: la terribile crisi esistenziale dei 25 anni dei Millennial

Mathilde Smith - 12 novembre 2018

Mood of the day, of the month, of the year? ANSIA. Noi Millennial siamo ansiosi e lo siamo per colpa…