Un extraterreste in metropolitana! Anche gli alieni a Milano sono alienati

16 marzo 2018
3 Condivisioni 132 Visualizzazioni

“Mentre attendevo la comparsa di forme viventi, esclusi i piccioni che sono arrivati a colonizzare anche il sottosuolo, è arrivato uno strano carico di esseri umani su una sorta di cabina POLREP su rotaie. La massa si è riversata in tutte le direzioni, dando a me la possibilità di salire a bordo”. Ovvero, effetto Black Mirror a Famagosta: Anche gli alieni a Milano sono alienati.

Qui Eleinad dalla galassia 63074, pianeta N1.2, in missione esplorativa per conto del governo vogoniano.

Come da ordini riporto aggiornamenti sul pianeta N1.2, volgarmente chiamato “Terra”, in funzione dell’invasione ormai prossima. Il seguente messaggio sarà scritto in klingoniano così da evitare qualsiasi possibile intercettazione e traduzione da parte dei sistemi terrestri.

 

La mia nave modello 20142 è atterrata nei pressi di un buco sotterraneo denominato “Famagosta”. Ho proceduto, così, a esplorare le gallerie lontane dalla luce solare (G2 V) in cui si rintanano i terrestri, in modo da poter studiare le loro abitudini ed agevolare le future operazioni di pulizia etnica interstellare.

 

Incredibilmente, sembra che gli umani sapessero del mio arrivo, ad accogliermi c’erano due lunghi intrecci di fibre vegetali recanti le seguenti frasi: “Il tuo prossimo viaggio inizia qui” e “imparare il futuro”. Non ho trovato nel mio interdizionario galattico il significato delle parole BIT e IULM ma nonostante ciò dovevo essere attento, sapevano che ero lì.

 

 

Certo, l’idea di volermi insegnare il futuro mi sembrava parecchio presuntuosa per una razza così sottoevoluta ma avevo già sentito parlare degli esseri umani e della loro ingenuità. La foto sul manifesto mostra un uomo capace di diventare invisibile nella città e cambiare la pelle diventando grigiastro, poteri che nulla potranno contro le nostre armate.

 

Nel mentre attendevo la comparsa di forme viventi, esclusi i piccioni che sono arrivati a colonizzare anche il sottosuolo, è arrivato uno strano carico di esseri umani su una sorta di cabina POLREP su rotaie. La massa si è riversata in tutte le direzioni, dando a me la possibilità di salire a bordo.

 

Gli esseri umani sono apparsi ai miei grandi occhi esagonali altamente innocui.

Passano il tempo muovendo con il pollice immagini virtuali su un piccolo apparecchio elettronico. Sembra l’effetto Black Mirror, par di vedere un’antichissima puntata della primitiva serie terrestre. Molti utilizzano anche supporti che trasmettono discutibili suoni alle orecchie. La comunicazione tra i diversi esseri umani presenti è praticamente nulla. Capisco che non possedere la telepatia sia un grave deficit evolutivo. Vista la quasi impossibilità di comunicare con i seguenti soggetti, ho deciso di procedere ad un’analisi della comunicazione presente nella capsula al fine di dedurne abitudini sul mondo in superficie ed avere dati utili alla colonizzazione.

 

Innanzitutto, le formiche si sono evolute rispetto al nostro ultimo viaggio sulla terra 3600 anni fa. Ora parlano e si occupano di seppellire i corpi degli esseri umani, strano modo di progredire sulla scala evolutiva. ODF si aggiunge alla lista delle parole in codice utilizzate dagli esseri umani per parlare tra loro.

 

Gli esseri umani sono ossessionati dall’oro. Vero che noi per centinaia di anni abbiamo richiesto alle popolazioni sulla terra tributi in oro ma pare che da quando abbiamo lasciato il pianeta loro abbiano continuato ad accumularlo. Visto che non è digeribile dai loro stomaci mi chiedo a quale scopo sia destinato.

 

I terrestri sono così stupidi da aver inventato delle tecnologie di cui neanche loro conoscono l’utilizzo.

 

A quanto pare trovano molto comico guardare dei prototipi di robot immobili e tristi. Non comprendo il loro senso dello humor.

 

Pur di sopravvivere all’invasione aliena mandano i bambini prima in guerra e poi a scuola. Un sistema educativo molto stravagante.

 

A quanto pare sono ossessionati dal rinchiudere le parole dietro strani simboli. Sembrano voler parlare utilizzando parole separate e combinate insieme allo stesso tempo come per noi era solito fare nei messaggi intergalattici migliaia di anni fa.

#speranzia. stacco. #yourbestbreak. stacco. #nostalgioia stacco. #fratellidicrozza stacco.

 

Nei loro messaggi amano complicarsi la vita mischiando le lingue di diverse razze. A quanto pare gli italiani amano “vivere up” e “be unexpected”.

 

Non sono terrorizzati dagli alieni ma dal grasso. Nemico che combattono legandosi degli strani oggetti intorno agli arti.

 

Alcuni esseri umani stanno distruggendo il pianeta utilizzando il gas mentre altri sprecano energia con bislacche posizioni del corpo.

 

In linea con le loro ideologie dispotiche sul sacrificare in guerra in bambini, vogliono votare “la povertà” come partito politico. Partito guidato da Francesca, bambina, di soli 5 anni terrestri.

 

A forza di utilizzare OGM sono riusciti a dare vita a delle arance antropomorfe, ora loro preziose alleate in guerra.

 

Sono fieri della loro ignoranza e non vogliono essere civilizzati da noi essere superiori proprio come successe diversi millenni fa con i loro antenati.

 

Detto questo, il pianeta terra sembra un posto facile da conquistare, forse piccioni, formiche ed arance, ci daranno filo da torcere ma di certo gli umani non saranno un problema. I loro gusti musicali orribili, l’ossessione per il grasso e la loro scarsa istruzione saranno la loro disgrazia.

 

 

Dalla loro esuberante comunicazione posso dedurre che le abitudini di un abitante di una delle città più evolute d’Italia siano queste:

 

  • Accoglienza di sua maestà il cioccolato. Venerano ancora i vegetali? Cosa siamo ancora nel 3919 v.c.?
  • Bambini in guerra.
  • Si combatte tutti contro il grasso.
  • Finita la guerra tutti a scuola, bambini e adulti con corsi di recupero. Evidentemente gli adulti avendo combattuto a loro volta da bambini devono recuperare gli anni scolastici.
  • Pranzo con polenta.
  • Poi si passa a lavorare davanti a degli strani schermi.
  • Finito di lavorare si passa il tempo libero a guardare altre tipologie di schermi.
  • Si viene accompagnati dalle formiche all’altro mondo.

 

Credo da quest’analisi che senza scomodare la flotta reale, un’armata di gattini e delfini equipaggiati con olio di palma e Nutella saranno in grado di sottomettere e sterminare l’intera razza umana.

 

La buona notizia da questo effetto Black Mirror è che giovani ABILI terrestri schiavizzati di tutte le razze e tipologie stanno arrivando a pulire, così non dovremmo sistemare nulla noi. Don’t panic. Forse anche gli alieni a Milano sono alienati.

 

 

Adesso che hai capito perché anche gli alieni a Milano sono alienati, LEGGI ANCHE:

Perché non uso Facebook né altri social? Storia di un alieno classe 1994

Potrebbe interessarti

Sono un ex allievo del prof che fa gli auguri a Hitler. Chi è davvero Felice Spicocchi?
News
7 visualizzazioni
News
7 visualizzazioni

Sono un ex allievo del prof che fa gli auguri a Hitler. Chi è davvero Felice Spicocchi?

Daniele Franchi - 24 aprile 2018

Sì, a quanto pare il mio prof fa gli auguri a Hitler e sì, ha un feticismo per i nazisti.…

Sono Giapponese! Lesson 30. I cervi giapponesi sono come essere divino che attacca chi li nutre. Ma che, sono impazziti?!
Appuntamenti
10 visualizzazioni
Appuntamenti
10 visualizzazioni

Sono Giapponese! Lesson 30. I cervi giapponesi sono come essere divino che attacca chi li nutre. Ma che, sono impazziti?!

Kentaro Hara - 24 aprile 2018

Il ragazzo giapponese, cioè io, sclera  - “Ghe n’è minga!” - nei confronti dei cervi giapponesi noti come un essere…

Stagione di festival balneari (o solari, o stellari): outifit serata al mare!
Moda
2 condivisioni40 visualizzazioni
Moda
2 condivisioni40 visualizzazioni

Stagione di festival balneari (o solari, o stellari): outifit serata al mare!

Valeria Papa - 23 aprile 2018

Coachella 2018, l'evento a cui chiunque vorrebbe andare ma che in molti possiamo solo sognare e stalkerizzare sui social dei…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi