fbpx

I tweet di Elon Musk spostano miliardi: il crollo dei Bitcoin non deve stupire

13 Maggio 2021
506 Visualizzazioni

I mercati finanziari sono strani e spesso un po’ lunatici. Lo stesso dicasi per il mondo delle criptovalute, speranza di un futuro migliore per un esercito di millennial.

L’esempio dei Bitcoin e Elon Musk potrebbe essere preso come caso studio. Dopo un periodo di grandissime performances, la criptovaluta per eccellenza in poche ore ha avuto un tracollo del 16% del suo valore.

La ragione di tale scivolone coincide con una decisione di mister Tesla: il nuovo genio dell’economia mondiale – ormai costantemente tra i primissimi uomini più ricchi del pianeta – ha scritto un tweet per comunicare la decisione del suo gruppo automobilistico di non accettare più i Bitcoin come forma di pagamento.

Pagare una Tesla con Bitcoin?

I clienti di Tesla non potranno più acquistare le vetture elettriche super tecnologiche con la più nota delle cripto monete. Questo perché Musk ha scoperto che inquinano. La generazione dei Bitcoin, infatti, prevede la risoluzione di calcoli molto complessi che richiedono computer altrettanto complessi e prestanti. Quindi più “costosi” in termini energetici e ambientali.

 

«Siamo preoccupati per il rapido aumento dell’uso di combustibili fossili per l’estrazione e le transazioni di Bitcoin, in particolare di carbone, che ha le peggiori emissioni di qualsiasi combustibile», ha cinguettato il miliardario visionario.

«La criptovaluta è una buona idea a molti livelli e crediamo che abbia un futuro promettente, ma questo non può avere un grande costo per l’ambiente». Poche parole che nonostante le rassicurazioni di Musk – che comunque ha detto che non venderà i suoi Bitcoin – ha portato la moneta virtuale da 51.000 euro a 46.045.

 

Elon Musk, un guru da seguire prima di investire

Male male per gli investitori, che comunque potranno consolarsi con la consapevolezza di poter contare sulle profezie di Elon Musk per decidere dove “puntare” i loro capitali. È successo in parte con GameStop, ad esempio. Nel bene o nel male, ormai è chiaro, il guru Musk è in grado di muovere miliardi con un tweet: seguitelo sui social e state pronti a vendere o pronti a comprare.

Leggi anche: