fbpx

Tre metri sopra il cielo atterra su Netflix: 2023 is the new 2004

1 Giugno 2023
1489 Visualizzazioni

Attenzione, annuncio importante: Tre metri sopra il cielo sbarca ufficialmente su Netflix. Il colosso dello streaming accoglie nel suo catalogo uno dei must have di tutta la generazione dei millennial. Un po’ di sana nostalgia che torna a fare capolino sulle nostre teste, un sogno d’amore che dopo 19 anni continua a emozionare: non siamo psicologicamente pronti, è chiaro.

Era un normalissimo 2004, Tiziano Ferro cantava Sere Nere e noi, giovani sognatori millennial, totalmente in preda alle farfalle nello stomaco. Tre metri sopra il cielo è stato per un’intera generazione un punto fermo nel raccontare l’amore. Impossibile non avere sognato quelle vibrazioni, impossibile non avere sofferto con i protagonisti, ma soprattutto impossibile non avere creduto in un amore così intenso.

Ora, quelle scene diventate parte del nostro bagaglio culturale tornano alla ribalta e lo fanno su Netflix. È proprio il 1° giugno 2023 la data a partire dalla quale 3msc sarà disponibile in piattaforma, per la gioia di tutta la generazione millennial.

Tre metri sopra il cielo: un amore impossibile, ma noi ci credevamo lo stesso

Ispirato al romanzo omonimo di Federico Moccia, Tre metri sopra il cielo racconta una storia d’amore complessa, ma terribilmente intensa. Lui, Step, è il classico macho col chiodo in pelle, la rabbia repressa e una famiglia disastrata alle spalle; lei, Babi, la tipica ragazza acqua e sapone ligia al dovere. Due anime incompatibili che cominciano a scontrarsi, ma che finiscono con l’innamorarsi tra un casino e l’altro.

C’è qualcosa, in quella coppia così perfettamente agli antipodi, che ci fa sognare e lo fa ancora, a distanza di 19 anni. Sarà forse la magia con la quale avviene il loro primo incontro? Sarà il vuoto alla pancia che sentiamo ogni volta che lui le benda gli occhi e le fa vedere il panorama? O sarà mica forse quella lampadina che va avanti e indietro seguendo il loro bacio? Non c’è una risposta sola, perché Tre metri sopra il cielo ci ha insegnato a sognare e ci ha fatto anche soffrire tanto, a tratti troppo, morte di Pollo compresa (e che dopo 19 anni non abbiamo ancora superato, ndr).

Netflix dal 1° giugno 2023 ci regala la possibilità di tornare a sognare l’amore e di credere che storie del genere, seppure complesse, siano là, in qualche parte di mondo. Non ci importa dei problemi che oggi Tre metri sopra il cielo potrebbe avere: noi quel sogno meritiamo di riviverlo, per forza.

Soundtrack nostalgico e Tiziano Ferro-mania: Tre metri sopra il cielo ci fa urlare a squarciagola 

Oltre alla trama, impossibile da dimenticare, Tre metri sopra il cielo vanta una colonna sonora incredibile. Sapevate che su Spotify c’è una playlist tutta dedicata al film? Un tuffo a capofitto nel 2004 che merita di essere rispolverato, giusto per sentirsi di nuovo dei pischelli in preda ai primi amori.

Tra tutti i brani che vestono la trama di 3msc, ce ne sono tre che hanno fatto la storia del film. Si parte ovviamente con Sere nere di Tiziano Ferro, una delle canzoni più potenti di tutto il film, ma si prosegue anche con la dolcezza del brano Gabriel, realizzato dalla band Lamb, altro pezzo immortale. Dulcis in fundo, l’apoteosi delle emozioni: He’s Simple, He’s Dumb, He’s the Pilot di Grandaddy, la fusione perfetta tra nostalgia e desiderio di amare.

Non c’è nulla da fare: passano gli anni ma Tre metri sopra il cielo rimarrà un pezzo di adolescenza per moltissime persone. Un rifugio, una via di fuga quando ci si sente stanchi della pesantezza del mondo attuale, un attimo di sogno, un amore che investe e lascia traccia per sempre.

Alzate la mano se lo guarderete: noi ci siamo, e voi?

Leggi anche: