Il Vegetale di Fabio Rovazzi è il manifesto dei millennial 2018?

The Millennialist
12 Gennaio 2018
2908 Visualizzazioni

Un film che preannuncia il riscatto sociale del millennial neolaureato e sbeffeggiato.

Fabio Rovazzi, classe 1994, idolo trasversale destinato a diventare il Jovanotti dei millennial debutta al cinema il 18 gennaio con un classico del riscatto sociale: lo sfortunato neolaureato che, sbeffeggiato da una sorellina acidella e un babbo sconfortante si reinventa la vita. Il titolo? Il Vegetale.

Il vegetale

Scritto e diretto da Gennaro Nunziante, ex regista di Checco Zalone, Il Vegetale racconta il giovane Fabio (Rovazzi) vittima di papà e sorella viziata. In cerca di lavoro arriva a detestare la sua famiglia e i datori di lavoro, quando improvvisamente gli piove addosso una preziosa occasione. Nel cast anche Luca Zingaretti, Ninni Bruschetta e Paola Calliari.

Le battute migliori (dal trailer ufficiale)

Fabio Rovazzi: Elena mi ha lasciato
Amico (Pinuccio): E questo zoo di peluche, che cos’è?
Fabio Rovazzi: Tutti i regali che le avevo fatto
Amico (Pinuccio): Giù stanno i bidoni della differenziata: vetro, plastica, regali di merda…

Nives Rovazzi (Rosy Franzese): Sai come lo chiama papà? Il vegetale!

Suora: Parli con lui, lo aiuterà a guarire
Fabio Rovazzi: Papà, volevo dirti che la tua impresa di costruzioni è fallita

Nives Rovazzi: Gli hai pagato la liquidazione? Sei un deficiente! Papà si faceva fare vertenza! Tra dieci anni li liquidavi con pochi soldi!

Maestra (Paola Calliari): L’ho voluta incontrare per parlare di Nives. Ha problemi di integrazione con il resto della classe
Fabio Rovazzi: Ah…effettivamente un po’ si vede

Armando (Luca Zingaretti): Ammazzame sta gallina, va!
Fabio Rovazzi: Ma ti pare che faccio una cosa del genere?
Armando: Daiii!! Bravo! Tiella, tiella, tie…sì, ciaoo!

Armando: Nella vita c’è sempre una ricompensa. La gente pensa che non sia così, bisogna fregarsene del prossimo e invece bisogna sempre dare quello che uno ha dentro; poi le cose che devono arrivare, arrivano

 

LEGGI ANCHE

Perché Rovazzi è meglio dell’ultimo Blade Runner?