fbpx

Giù le mani dalle donne: un incontro per combattere la violenza, con il corpo e con la psicologia

9 Luglio 2022
104 Visualizzazioni

Una iniziativa per non abbassare mai la guardia davanti alla violenza sulle donne e su tutti i soggetti fragili. Giù le mani dalle donne (e non solo) è  l’incontro/corso che si terrà il prossimo 16 luglio al rifugio Ciao Pais di Sauxe d’Oulx.

Il tema della violenza sulle donne ha un lato che non si approfondisce mai abbastanza. Perché le donne non riescono a cogliere in tempo le personalità tossiche di alcuni uomini? Perché tendono a sottovalutarle fino a quando diventa troppo tardi? E ancora, quali sono le modalità per una difesa attiva, psicologica ma anche fisica?

È un tema enorme quello scelto dal noto giornalista d’inchiesta Marco Gregoretti (collaboratore di molti quotidiani e della trasmissione Quarto Grado) per lanciare il primo incontro/corso di autodifesa personale, per ragazze e donne forse troppo romantiche.

A sposare e ospitare l’iniziativa, prevista per il 16 luglio 2022 è il Comune di Sauze d’Oulx, in Alta Valle di Susa, che ha scelto così di contribuire a una sorta di primo approccio al tema della violenza e a un vademecum su come fronteggiarla.

Gregoretti, che è anche insegnante di arti marziali, non sarà il solo insegnante e coordinerà l’evento al quale parteciperanno due esperti in materia: Salvatore Ciconte, coach ed ex campione italiano di pugilato e Carmen Scantamburio, psicoterapeuta specializzata in psicologia del trauma. Un’ esperta del metodo Mdr, che aiuta a elaborare i traumi e gli stati di sofferenza attraverso il movimento oculare.

Un pugile e una psicoterapeuta. Può sembrare una scelta bizzarra, in realtà spesso gli sport da combattimento non hanno soltanto una valenza di difesa fisica ma anzi preparano alla conoscenza psicologica dell’avversario e dotano chi li pratica di prontezza e capacità di decisione.

Allo stesso modo, la psicoterapia oggi si è arricchita di tali e tante specializzazioni sull’elaborazione dei traumi che è più facile andare al nocciolo del problema e quindi riconoscerlo per evitare che si ripresenti.

Tante, troppe donne infatti sono vittime della violenza degli uomini. Decine i casi di femminicidio e migliaia i casi di violenza e aggressione.

Il sito salute.gov.it fa un quadro disarmante: nelle grandi città è pericoloso anche solo fare due passi o entrare in un bar. E le categorie più colpite dall’escalation degli attacchi sono le donne ma anche i soggetti fragili come gli anziani e i disabili.

Ottima la location scelta per l’incontro. Giù le mani dalle donne (e non solo) si terrà al rifugio Ciao Pais, luogo perfetto sia per praticare sport che per assistere a conferenze e dibattiti.

Leggi anche:

Le millennial sono le principali vittime della violenza

Il femminismo pop, questo meraviglioso tubetto di detergente per le coscienze

Le carrozze anti violenza? Forse il problema non sono i treni

E quando le vittime di violenza sono gli uomini?