fbpx

Educazione, salute, assistenza e casa gratis: lo smart working conviene farlo dalla Finlandia

Avatar
26 Dicembre 2020
386 Visualizzazioni

Tre mesi della propria vita da trascorrere nei paraggi di Helsinki, “vivendo a scrocco”, mantenuti dal governo della città. Solo 90 giorni ma con tutto pagato: casa, salute, scuola per i figli e ufficio.

È l’offerta che arriva dalla Finlandia ai cittadini stranieri che accetteranno di trasferirsi nel loro paese per continuare a lavorare facendo smart working nel settore dell’hi-tech. E se il periodo di prova dovesse andare bene, lo stesso programma governativo si incaricherà di prestare assistenza ai candidati per sbrigare tutta la burocrazia necessaria per restare lì definitivamente. È il progetto 90-Days Finn, “Finlandese per 90 giorni”.

“Finlandese per 90 giorni”

Il programma, messo a punto precisamente dall’agenzia per lo sviluppo della Capitale finlandese Helsinki Business Hub, ha avuto un enorme successo, come riferito dal Guardian. Sono oltre 5.300 le richieste arrivate in poco tempo, per i soli 15 posti disponibili. I millennial in prima fila.

«C’è una grande concorrenza a livello globale per i talenti, quindi abbiamo dovuto pensare in modo creativo», ha detto Johanna Huurre, di Helsinki Business Hub. «Non siamo in cima ai luoghi ideali in cui trasferirsi, ma sappiamo che una volta che le persone arrivano, tendono a rimanere».

Vuoi andare a vivere in Finlandia “gratis”?

Rivolto alle menti del settore tecnologico, i candidati sanno di arrivare in uno Stato sempre all’avanguardia, oltre che felicissimo (vedi qui perché). La Finlandia, oggi guidata dalla premier giovanissima Sanna Marin, ha portato nel mondo Nokia, SMS, 5G e Linux.

“Il Paese – spiega il giornale Uk – ha una scena di start-up da 6 miliardi di euro in forte espansione con un tasso pro capite di nuove imprese digitali che è il più alto al mondo. Anche multinazionali tecnologiche come Google, Bayer e GE Healthcare hanno recentemente aperto campus nel Paese”.

E allora non ci resta che partire. Helsinki, arriviamo!

Leggi anche: