Ansia e depressione come uscirne: possibile farlo con le collane?

Simpatiche come le campanelle per i lebbrosi nel Medioevo!

6 giugno 2018
1 Condivisioni 208 Visualizzazioni

Ansia e depressione come uscirne: possibile con le collane?

La moda, e più specificatamente il nostro guardaroba, parlano di noi e di chi siamo. Indossiamo magliette con messaggi, scegliamo capi che possano esprimere un nostro stato d’animo o un nostro stile di vita, ma dove siamo arrivati? Lontano, o forse, in basso. Perché la tendenza a ostentare ci ha davvero dato alla testa: non si tratta più solo di mettere in mostra ciò che possediamo, cosa pensiamo e cosa ci piace. Ma ci ha portato a esternare persino i nostri problemi fisici, mentali e i nostri disagi. Etichettandoli, nel senso letterale della parola.

Il brand americano Ban.do ha creato una collezione di collane con scritte come “ansia”, “depressione” e “bipolarismo”. Per quanto il brand dichiari che l’obiettivo non è quello di affascinare i suoi clienti usando le malattie mentali ma di eliminare gli stigma che si aggirano intorno a questi problemi, il mio pensiero è: “perché dovrei indossare una collana con scritto depressione?”

Se ne soffrissi non vorrei esternarlo a ogni passante e viceversa, se così non fosse, potrei offendere chi magari ogni giorno intorno a me lotta con questa malattia. In ogni caso, quale aiuto potrebbe offrire la mia collana a chi ne soffre?

Prendiamo in considerazione “Ansia”: parola sempre più in uso sui capi di molti brand e sui profili social di tanti millennial. Quanti realmente ne soffrono? Quanti in realtà utilizzano il termine senza conoscerne il valore e la gravità? Sicuramente, tra quelle citate, sarebbe la collana più trendy tra noi millennial. Infatti, nell’accezione superficiale dei social, “ansia” fa capire che sei un tipo molto impegnato, hai tanti pensieri e contatti. Insomma, fa figo.

Ban.do ha dichiarato di cedere il ricavato a Change to Mind, un’organizzazione no profit contro la discriminazione verso le malattie mentali. Le buone intenzioni del brand di incoraggiare al dialogo, accrescere la conoscenza e l’empatia sono apprezzabili, ma non si può fare di un problema mentale un trend.

Indossereste le collane con il nome di malattie mentali? Le regalereste a delle amiche (non per scherzo: perché la vostra amica è sempre triste, cambia spesso decisione ed è in ansia per l’esame del mese prossimo)?

Dopo Ansia e depressione come uscirne: possibile con le collane?, LEGGI ANCHE:

Niki de Saint Phalle: l’artista che ci insegna come guarire dalla depressione da soli, con l’arte

L’importanza degli hashtag: davvero un #metoo migliorerà il mondo?

Per noi millennial la depressione post laurea è sicura come la morte

Potrebbe interessarti

Sono Giapponese! Lesson 50? Come affrontare le riunioni di lavoro? Ce lo insegna il Giappone!
Appuntamenti
21 visualizzazioni
Appuntamenti
21 visualizzazioni

Sono Giapponese! Lesson 50? Come affrontare le riunioni di lavoro? Ce lo insegna il Giappone!

Kentaro Hara - 21 ottobre 2018

Come affrontare le riunioni di lavoro in Giappone? Cerca di non essere considerato presuntuoso, altrimenti devi accettare l’ordine silenzioso dei…

Scarpe V design: lusso intelligente per Millennial dal cucchiaio di legno
Moda
7 condivisioni94 visualizzazioni
Moda
7 condivisioni94 visualizzazioni

Scarpe V design: lusso intelligente per Millennial dal cucchiaio di legno

Consuelo Crespi - 20 ottobre 2018

Le scarpe V design sono un connubio di lusso e minimalismo, e un ritorno all’artigianalità italiana. Per Millennial che, al…

Something in the Way testo: i Nirvana ci hanno rovinato l’adolescenza  
Cultura
3 condivisioni69 visualizzazioni
Cultura
3 condivisioni69 visualizzazioni

Something in the Way testo: i Nirvana ci hanno rovinato l’adolescenza  

Consuelo Crespi - 19 ottobre 2018

Questa mattina mi sono svegliata e, scrollando le varie pagine social, una notizia spaventosa mi è capitata davanti agli occhi. “NIRVANA REUNITED”, con l’immagine…