Non so chiedere scusa ma ti amo. Come farsi perdonare dal fidanzato con una lettera aperta

24 settembre 2017
5 Condivisioni 4637 Visualizzazioni

Chiedere scusa è come spogliarsi. Imbarazza, umilia, indebolisce. Almeno così crediamo. Ma ogni tanto va fatto. Qui vuota il sacco una tipa che è spesso presa malissimo con l’umore. Per scusarsi col suo fidanzato gli scrive una lettera aperta (ndr. Lui è un santo!).

All’amore della mia vita,

Probabilmente avrò avuto una giornata orribile, o forse mi starò solo sentendo uno schifo o, altra ipotesi, vorrò solo essere cibata.

E ok, a volte me la prendo con te, ma ti giuro che sono molto di più di quello che il mio umore dice di me, e che ti amo.

Comunque, nel caso in cui la mia sfacciataggine dovesse traboccare e tu fossi interessato alla tua incolumità personale, tenta solo di ricordare queste parole…

Ti devo chiedere scusa mille mila milioni di volte.

So che le mie parole sono taglienti e la mia lingua è affilatissima, ma ti assicuro che ci sto lavorando. Nel frattempo però non soffermarti troppo su quello che dico, perché non vorrei mai darti fastidio.

(Questo è valido solo se non hai mangiato l’ultima fetta di pizza… beh in quel caso ti augurerei dolore fisico)

Io conosco i miei sentimenti, ma questo non vuole esattamente dire che io sappia gestirli.

Ho recepito tutto di quello che ci siamo detti, tu hai espresso il tuo punto di vista e io il mio, poi ci siamo chiesti scusa e alla fine siamo ci siamo passati sopra. Ma il 90% delle volte il mio cervello elabora le cose molto più in fretta di quanto faccia il mio cuore.

So benissimo che non dovrei più essere gelosa di te o rimanere delusa da piccoli insignificanti litigi, ma purtroppo continuo a farlo. Dammi solo un po’ di tempo e ti prometto che anche il mio cuore se ne farà una ragione.

Non dubitarne: il mio malumore è temporaneo mentre tu sei per sempre.

Sono un essere umano anche io, ho i miei giorni no e a volte ho la sensazione di star passando in un ciclo infinito di giorni no. Ma non importa: tu sei l’unica mia costante, sei la persona che voglio ogni-singolo-giorno.

Sotto, ma molto sotto tutti gli strati di sfacciataggine, ben nascosto sotto la mia faccia da stronza, c’è il mio cuore. Quello che è perdutamente innamorato di te.

Sono irritabile, indecisa, a volte leggermente diabolica, faccio fatica a chiedere scusa, ma sono anche una bambinona scherzosa. E buona, in fondo. E ovviamente bellissima… non dimentichiamocelo.

Ti amo perché sei la mia comfort zone, dove posso essere semplicemente me stessa, con il mio cattivo umore e tutto il resto. Quindi, tutte le volte che sembrerò una bambinetta viziata, ricordati quanto io ti sia immensamente grata.

Dall’amore della tua vita.

 

Leggi anche: Amore social? No, spegnete i telefoni e amatevi! 

Potrebbe interessarti

Scarpe V design: lusso intelligente per Millennial dal cucchiaio di legno
Moda
7 condivisioni69 visualizzazioni
Moda
7 condivisioni69 visualizzazioni

Scarpe V design: lusso intelligente per Millennial dal cucchiaio di legno

Consuelo Crespi - 20 ottobre 2018

Le scarpe V design sono un connubio di lusso e minimalismo, e un ritorno all’artigianalità italiana. Per Millennial che, al…

Something in the Way testo: i Nirvana ci hanno rovinato l’adolescenza  
Cultura
2 condivisioni53 visualizzazioni
Cultura
2 condivisioni53 visualizzazioni

Something in the Way testo: i Nirvana ci hanno rovinato l’adolescenza  

Consuelo Crespi - 19 ottobre 2018

Questa mattina mi sono svegliata e, scrollando le varie pagine social, una notizia spaventosa mi è capitata davanti agli occhi. “NIRVANA REUNITED”, con l’immagine…

Euforia, il nuovo film di Valeria Golino: il coitus interruptus della morte
Arte
2 condivisioni59 visualizzazioni
Arte
2 condivisioni59 visualizzazioni

Euforia, il nuovo film di Valeria Golino: il coitus interruptus della morte

Valeria Mangano - 19 ottobre 2018

Euforia è il nuovo film di Valeria Golino, seconda opera dopo l’esordio alla regia con Miele (2013). Se state immaginando…