fbpx

Le giovani generazioni e Dio: più facile credere nel karma e nell’oroscopo

29 Maggio 2021
1172 Visualizzazioni

I millennial americani si dichiarano atei. Ma è davvero così?

Da un recente studio dell’Arizona Christian University è emerso che il 43% dei millennial americani è ateo. O meglio: non crede in Dio o non ha alcun interesse verso l’argomento. Una percentuale nettamente superiore a quella che si riscontra nella generazione dei boomer (28%).

Un paradiso per i boomer

Inoltre, sempre secondo lo studio in questione quasi la metà dei boomer crede che dopo la morte andrà in paradiso solo perché hanno confessato i propri peccati e accettato Gesù come loro Salvatore. Una visione condivisa solo dal 26% della gen X e dal 16% dei millennial.

Secondo un altro studio, condotto dalla rivista dei gesuiti Civiltà Cattolica, negli Stati Uniti il 36% dei giovani fra i 18 e i 24 anni non ha rapporti con alcuna tradizione religiosa. Insomma, quello tra i giovani americani e Dio è un rapporto strano se non addirittura inesistente. 

Dio, in Italia i giovani sono alla ricerca di spiritualità 

Una fotografia sociale che solo in parte accomuna americani e italiani: l’ultimo rapporto sulla questione per quanto riguarda il nostro Paese risale a qualche anno fa e afferma che pur proclamandosi per la quasi totalità atei, i millennial sono comunque alla ricerca di spiritualità.

Se si escludono esempi eclatanti, come il Beato Carlo Acutis, patrono di internet, forte è il distacco dalla Chiesa, dai suoi riti e dogmi, anche se esiste una religiosità self made. 

Da dove arriva questo agnosticismo?

Difficile capire e trovare un’unica causa. Anche perché i fattori che concorrono all’allontanamento da Dio e dalla Chiesa (nel caso dei cattolici) sono molteplici e non dipendono solo dai millennial. Ma va anche considerato che questa generazione è il frutto delle generazioni precedenti, che progressivamente si sono allontanate dalle questioni del sacro per rincorrere bisogni più terreni.

E in molti casi alcuni dei principi morali che hanno costituito le basi dei boomer o anche dei builders nel caso dei millennial e della gen X sono venuti a mancare o sono stati costantemente ridefiniti spesso in modo radicale. 

Il futuro della fede in Dio per i più giovani

Ecco che i giovani, soprattutto americani, credono principalmente negli oroscopi. Con percentuali triplicate rispetto a quelle presenti nella fascia d’età dei loro genitori. E poi credono nel karma e nella reincarnazione: cose che per boomer affini sono quasi sconosciute. 

Fare previsioni sul futuro è assai difficile in un contesto sociale in cui tutto è fluido e cambia in maniera inaspettata. Il sondaggio in questione evidenzia però che è in atto una rivoluzione spirituale radicale, ha creato una generazione alla ricerca di un mondo reinventato senza Dio, la Bibbia o le chiese.

Leggi anche: