Tra i trend indiscussi per il 2022 c’è l’Emotional health e non è un caso

14 Marzo 2022
1167 Visualizzazioni

Note del telefono alla mano, tra le parole e i trend indiscussi del 2022 ce n’è uno di cui conoscere bene il significato, si tratta dell’Emotional health. 

Quando parliamo di salute e benessere la nostra mente proietta automaticamente l’immagine del corpo, quasi come se la partita dell’essere in forma e del sentirsi bene si giocasse solo sul campo fisico. Non è così. Un po’ l’abbiamo imparato negli ultimi due anni (a nostre spese), un po’ lo stigma attorno alla salute mentale (per fortuna) ha iniziato a cadere, e parlare di terapia e mental health è diventato super normale. 

Ma torniamo a noi, che cosa è l’Emotional health? Si tratta della capacità di affrontare e gestire il flusso delle emozioni, sia positive che negative. Le persone emotivamente sane hanno buoni meccanismi di gestione delle emozioni negative e sanno anche quando arriva il momento di rivolgersi a un professionista per chiedere aiuto; quelle con disordini tendono invece a ignorare il carico emotivo, e hanno difficoltà a dare un nome a ciò che sentono. Ci sono alcuni indicatori che possono aiutarci a capire in quale sfera rientriamo. 

Come migliorare il proprio Emotional health

È bene ricordarsi che una persona può sperimentare malattie mentali o brutte giornate e avere comunque un buon benessere emotivo. Le malattie mentali hanno spesso cause più profonde (come uno squilibrio chimico o un trauma); la salute emotiva riguarda invece le emozioni e la loro regolazione. Ovviamente esistono alcuni consigli per aiutarci a controllare e gestire meglio ciò che sentiamo durante il corso della giornata. 

Avere una buona rete di relazioni è un fattore chiave, pianificare del tempo da trascorrere con amici e familiari contribuisce alla nostra stabilità: “Se hai qualcuno con cui sei vicino, come un caro amico o un familiare, contattalo se inizi a sentirti sopraffatto. Condividere i tuoi sentimenti può aiutarti a darti chiarezza su ciò che stai vivendo”, consiglia il sito di coaching BetterUp.

Il dialogo interiore, specie se negativo, può diventare una profezia che si auto avvera. Secondo la rivista WebMD, è fondamentale creare un’immagine positiva di noi stessi dialogando mentalmente con il nostro “riflesso interiore”: usare aggettivi positivi e frasi incoraggianti porta importanti benefici. Non meno importante, l’articolo ricorda che celebrare i risultati e i successi migliora l’Emotional health: “Crea qualcosa per cui lottare, celebra i tuoi risultati per costruire autostima e sentimenti positivi”.

La meditazione regola invece il flusso dei pensieri, e ci permette di prendere una pausa dal mondo per focalizzarci su noi stessi. Città, uffici, e spazi pubblici si stanno attrezzando per creare luoghi dedicati al miglioramento dell’Emotional health. 

Cosa sono le stanze per ricaricarsi e perché sono importanti

La salute emotiva è diventata un aspetto così importante nelle nostre vite tanto da essere in grado di modificare i paesaggi. In America molti uffici e grandi aziende del tech si sono dotate di Recharghing rooms, stanze silenziose progettate per permettere agli impiegati di prendersi una pausa dallo stress lavorativo e ricaricare le energie. “Bastano anche solo 15 minuti – afferma il neuroscienziato David Putrino – ma la pausa permette alle persone di diminuire il livello di stress fino al 60%”. Molte stanze si ispirano agli ambienti della natura, negli States (soprattutto dopo la pandemia) gli ospedali hanno iniziato ad aggiungere Recharghing rooms che imitano gli spazi aperti per aiutare gli infermieri a sfogarsi e alleviare l’impatto del burnout. 

Non solo ospedali o scuole, David Putrino pensa che la nuova frontiera delle Recharghing rooms potrebbero essere le case private delle persone: “Penso che creare uno spazio in spendere qualche minuto per affrontare le emozioni sia davvero, davvero importante per tutti”.