fbpx

ASMR: alla ricerca dell’orgasmo cerebrale su TikTok

19 Maggio 2023
1011 Visualizzazioni

I tempi in cui si andava su YouTube alla ricerca del video ASMR perfetto sono praticamente finiti.  Ora il fenomeno si è spostato su TikTok, raccogliendo sempre più consensi da parte degli utenti, gli stessi che non vedono l’ora di rilassarsi nelle tante dirette disponibili sul social. La ricerca dell’orgasmo – anche se cerebrale – continua.

Acronimo di Auronomous Sensory Meridian Respose, l’ASMR è più facilmente conosciuta come la pratica di rilassamento in risposta a determinati stimoli sonori. Detta in parole molto più semplici: sentendo certi rumori, il cervello umano reagisce in modo positivo, con tanto di “brividino” lungo il collo e a volte lungo tutta la schiena. Se ancora non vi è capitato di provarlo, questo è il momento giusto per iniziare a “godere cerebralmente”. Niente video erotici, niente scene di sesso: l’ASMR provoca piacere cerebrale, il che, se ci pensiamo, è entusiasmante.

Ancora più incredibile è che il fenomeno, esploso inizialmente su Youtube (Chiara Asmr ad esempio è una delle content creator del settore più seguite in Italia), in tempi più recenti si è letteralmente spostato su TikTok. Il social “dei giovani” conta numerosi account dedicati all’ASMR e il fenomeno è diventato una tendenza a tutti gli effetti, specialmente di sera. Le persone che ricercano il tanto desiderato orgasmo cerebrale sono infinite: il beneficio? Tanto relax, rilascio di serotonina edendorfine e una notte di sonno estremamente piacevole.

TikTok è la patria delle dirette ASMR: la ricerca del brivido è costante 

Avete mai provato ad aprire TikTok indipendentemente dall’orario? Le dirette ASMR sono sempre attive e il pubblico sempre presente. Italiani, stranieri, in coppia o singoli, i content creator del fenomeno trovano sempre nuovi triggers (i rumori che sentiamo, per intenderci) con i quali rilassare gli utenti. Tra tutti, però, è sicuramente la sera il momento preferito per godersi una diretta ASMR: distesi a letto, magari con le cuffie alle orecchie, i sussurri, lo strofinamento di pennelli sul microfono, il rumore delle mani che si sfiorano e la pace tutta attorno.

La ricerca del brivido è costante: l’ASMR appaga e rilassa sempre e comunque. È molto simile alla sensazione che si prova quando qualcuno ci accarezza i capelli o ci passa delicatamente le dita lungo la schiena, ma il tutto è comodamente traslato online.

Il successo dell’ASMR è la prova concreta che le persone hanno bisogno di rilasciare ogni tipologia di stress e in questo le dirette social, sebbene non ci distacchino mai dallo smartphone, riescono in qualche modo a isolarci dai pensieri del giorno, anche se per 20 minuti.

fenomeno-asmr-tiktok-jpg

Non piace a tutti, ma se piace non si torna più indietro

L’esperienza dell’ASMR è ovviamente plurisensoriale. Ad attivarsi infatti sono proprio tutti i sensi del corpo umano, ma si lascia un notevole spazio anche alle sensazioni visive (chiamate tecnicamente sinestesie). La componente estetica delle dirette ASMR risulta infatti fondamentale. Pur trattandosi di reazioni basate su stimoli sonori, l’occhio vuole sempre la sua parte, anche su TikTok ovviamente. Ecco che chi fa dirette ASMR sfoggia sempre look curati, outfit studiati, unghie spesso e volentieri smaltate (più o meno lunghe a seconda dei triggers), make-up ben fatti e uno sfondo illuminato in modo soft, con luci colorate e soffuse.

Gli amanti dell’ASMR sono tanti, ma è chiaro che la sensazione può non piacere a tutti: certi suoni, in particolare quelli legati al cibo e alla masticazione, spesso risultano fastidiosi. Una cosa però è certa: una volta che si raggiunge l’orgasmo cerebrale dell’ASMR non si torna più indietro e sarà impossibile resistere alla tentazione di provarne sempre di nuovi.  A quando la prossima diretta?

Se avete TikTok e amate l’ASMR dovete per forza seguire questi profili

Di seguito cinque profili da seguire assolutamente su TikTok:

  • Chiara ASMR
  • Gloriademar_asmr
  • Ninfea ASMR
  • Ecaterina ASMR
  • Olga ASMR

Che l’orgasmo cerebrale abbia inizio!

Leggi anche: