Sei in quarantena per Coronavirus? Il sito porno ti regala l’abbonamento

Avatar
27 Febbraio 2020
1902 Visualizzazioni

Cari quarantenati per voi c’è una bella notizia. Se credevate che il Coronavirus fosse la fine di tutti i piaceri della vostra vita terrena, vi sbagliavate. E di grosso.

Adesso le vostre giornate apocalittiche non saranno fatte più di sole corse al supermercato: pronti a lottare per l’ennesima confezione di pasta scadente o per raccogliere dal fondo degli scaffali le ultime ignobili tracce di scatolame proteico. Oltre alle risse furibonde in farmacia per accaparrarvi le inutili mascherine da chirurgo, che però vi danno l’aria di dottori cardiovascolari in piena sala operatoria mentre siete in treno. Oltre a quelle micro bottigliette di Amuchina andate a ruba su Amazon e Ebay e che voi avete pagato come un jéroboam di Dom Perignon vintage. Oltre tutto quello che possiate star vivendo: vi resta il porno, quello sì, gratis.

Coronavirus, sito hard gratis per le zone colpite

Non che mancasse in rete questa possibilità – tra Youporn, Pornhub e via dicendo – ma c’è chi ha pensato di farvi un dono. A darvi una mano – probabilmente letteralmente ma ricordatevi che sarà la vostra – ci hanno pensato gli amministratori di xHamster.

Il sito hard, tra i più visitati a prescindere dalla escamotage pubblicitaria, ha deciso di offrire ai lombardi e ai veneti il loro pacchetto premium. Il regalo – quindi l’accesso gratuito ai contenuti extra – sarà disponibile fino a fine marzo, giusto i quaranta giorni necessari per assicurarsi di aver smaltito il virus e la psicosi che ha portato con sé.

Oltre che una trovata alquanto originale, per quelli di xHamster questa è proprio una mission. “Tentativo di aiutare le agenzie sanitarie globali ad arginare la diffusione del coronavirus”, scrive in una nota Alex Hawkins, vice presidente del portale porno.

Porno gratis per le persone in quarantena

Ovviamente i video hot saranno accessibili a tutte le persone residenti nelle zone ‘colpite’ dal virus. Non solo le italiane Lombardia e Veneto dunque. Del sano e incontaminato sesso in video – tra orge, scopate e masturbazioni – ne potranno usufruire anche i residenti di Tehran in Iran, di Daegu in Corea del Sud, di Adeje nelle isole Canarie e certamente gli abitanti di Wuhan, in Cina. Un gesto responsabile “perché ora – come dice il disclaimer su Instagram dell’iniziativa – è più sicuro nella tua camera da letto”.

Leggi anche: