A Toti non interessano i nonni dei millennial. E manco Gigi Proietti

Avatar
1 Novembre 2020
243 Visualizzazioni

L’Italia è un Paese pieno di vecchi.

I bar sono pieni di anziani, le piazze sono piene di vecchi, così come i parchi e i supermercati lo sono. Per non parlare degli uffici postali o dei cantieri stradali, dove i pensionati comandano. Sono nonni perfino gli imprenditori più ricchi e affermati. Gli stilisti, gli attori e i comici, come il preziosissimo Gigi Proietti, 80 anni il 2 novembre, che proprio un giorno prima del compleanno è finito in terapia intensiva per un grave malore. [Aggiornamento: Gigi Proietti è morto alle 5.30 del 2 novembre]

C’è qualcuno a cui la notizia non interessa. A Giovanni Toti, per esempio, non gliene frega un bel niente perché si tratta di gente non indispensabile allo sforzo produttivo del Paese. Toti, proprio lui, quello che fino a qualche anno fa era il delfino designato del ‘non più produttivo’ Silvio Berlusconi in Forza Italia, poi finito nella tonnara della politica regionale ligure. Terra che governa dal 2015.

Lo ha scritto lui stesso in un tweet, dopo l’incontro tra Regioni e Governo Conte per decidere sulle modalità del nuovo Dpcm e il probabile lockdown per arrestare la pandemia. «Per quanto ci addolori ogni singola vittima del #Covid19, dobbiamo tenere conto di questo dato: solo ieri tra i 25 decessi della #Liguria, 22 erano pazienti molto anziani. Persone per lo più in pensione, non indispensabili allo sforzo produttivo del Paese che vanno però tutelate».

Il suo discorso, come lui stesso chiarirà nei tweet successivi, dove peraltro si scusa e dà la colpa della frase a un collaboratore, è più ampio. E faceva parte del tentativo di difendere l’idea di un provvedimento mirato e per fasce d’età. Non è l’unico a pensare che gli anziani, in effetti più esposti, dovrebbero essere isolati in alcun modo.

Dimentica lui – e dimenticano gli altri fautori della proposta – che i pensionati delle case di riposo, benché isolatissimi, sono morti a migliaia nella prima fase. Così come dimentica che i nonni dei millennial sono ancora un’àncora di salvezza per molte famiglie allo sbando economico. E che anche se stessero a casa, non aver contatti con figli e nipoti per la loro salute sarebbe forse più rischioso che il contrario.

«La vecchiaia c’è e non puoi farci niente», ha detto di recente il grande vecchio Gigi in un’intervista su Repubblica. Un concetto tutto sommato lontano per noi millennial ma molto più vicino per il 52enne e produttivissimo presidente della Liguria Toti.

La sessualità secondo Gigi Proietti: video

Leggi anche: