La campagna Diadora s/s 19 suona la marsigliese contro il razzismo

Avatar
5 Aprile 2019
152 Visualizzazioni

Nella nuova campagna Diadora s/s 19, spiamo, attraverso la lente di una vecchia cinepresa, la vita dei Millennial che ci fanno strada nei luoghi più caratteristici della loro città, Marsiglia, uno dei centri più multietnici d’Europa.

 

 

La città del meridione francese è da sempre considerata la porta d’ingresso per la nazione, un luogo dove molti passano ma pochi rimangono. Per via del suo porto è stata per secoli una città di transito, uno scalo verso altre mete e ancora oggi , grazie alla sua posizione strategica, rappresenta un ottimo punto di stop per i turisti diretti a mete più ambite e chic sulla riviera francese.

Marsiglia è una città calpestata più e più volte nel corso dei secoli, nel senso che, sulle sue strade, hanno camminato persone appartenenti alle più svariate culture, che una volta arrivate si mescolavano, con disinvoltura, al flusso di una città, ancora oggi, tra le più multietniche di Europa.

 

Ora a camminare sulle strade marsigliesi ci sono giovani Millennial in scarpe Diadora, che ci conducono tra i quartieri multiculturali e giovanili della loro città. La campagna Diadora s/s 19 si chiama Shaped by life ed è stata diretta da Lorenzo Cisi, che ha girato lo spot, e dal fotografo Anton Renborg che ha catturato i giovani ragazzi marsigliesi in immagini naturali e spontanee.

Il titolo della campagna è proprio un richiamo all’essenza di Marsiglia che è stata “Shaped”, “Formata- modificata”, nel corso della sua storia, da un’incredibile flusso di culture. Oggi, solo sette marsigliesi su dieci sono di origine francese, e ogni persona di qualsiasi cultura può sentirsi un pochino a casa in una questa città meticcia, come nella campagna Diadora s/s 19 in cui vediamo Millennial di differenti nazionalità.

Nell’opinione pubblica, per via del suo Meltin’ Pot culturale, Marsiglia viene considerata la città più pericolosa di Francia, se non addirittura d’Europa. La campagna s/s 19 Diadora sfata anche questo mito mostrando come la nostra generazione si senta completamente a suo agio in ambienti dove la diversità culturale e etnica diventa la caratteristica predominante. Anzi, per noi Millennial, sempre attenti a scovare i luoghi più alternativi e vivaci, Marsiglia rappresenta sicuramente un’ottima meta di viaggio per l’estate 2019.

Secondo Diadora, e secondo noi Millennial, le differenze sono essenziali per creare stimoli sempre nuovi e usando come specchio la città di Marsiglia il brand rinnova le sue scarpe.

Come la città, sono scarpe ibride, meticce nate dall’unione del vecchio con il nuovo: le classiche Diadora anni ‘90, come la N9000 e la MI basket vengono integrate con sistemi tecnologici, TXS e Mass Damper, che permettono un allacciatura più facile delle stringhe e una suola più dinamica.

Insomma, questi sono i presupposti, per scoprire qualcosa di più dobbiamo solo prendere una macchina, indossare delle scarpe da ginnastica e dirigerci verso questa città portuale piena di contrasti, colorata e ribelle come la sua Marsigliese, l’inno rivoluzionario francese. Next stop Marsiglia.

 

 

LEGGI ANCHE:

La collezione Supreme 2019 contro la neocensura con i nonnetti Gilbert&George

Chi ha il coraggio di negare che Desigual piace soltanto agli spagnoli?

Campagna pubblicitaria Rimowa: un inno al viaggio senza ritorno della nostra vita