Matrimonio dell’ex: come mi vesto nel giorno più antipatico dell’anno?

Avatar
23 Settembre 2017
895 Visualizzazioni

Prima o poi arriva: “Tizia e Caio” si sposano. E Caio lo conosci bene. Trattasi del matrimonio dell’ex fidanzato. Con Caio ci passavi le domeniche mattine (nonché le lunghe notti che le precedevano) fino a due anni fa. Ci bevevi gin tonic e ci guardavi House of Cards. E’ quello con cui avrebbe dovuto essere “per sempre” ma che oggi crede che “per sempre” sia con Tizia, una secca e sbigottita simil modella simil bomba aka donna perfetta.

Perfetta…almeno a giudicarne dalle foto di Facebook (di certo ritoccate con trecento e passa filtri). E non importa se tu con Caio ti sei lasciata con i migliori propositi. “Ti auguro di essere felice”, la cazzata del secolo. Chiunque l’abbia pronunciata in realtà pensava “Ti auguro una vita a rimpiangermi”. Perché tra gli ex vige ancora quella regola del “vince chi sta meno peggio”.

Ma inutile piangerci addosso. Quello che ora sembra una prova insormontabile potrebbe rivelarsi un vero toccasana per l’autostima. Questo è il momento di tirare fuori gli artigli. Per dimostrare chi siamo.

Come? Con il look da sfoggiare il grande, insopportabile giorno!

In primis bisogna sapere che si parte con un grande vantaggio rispetto alla sposa, ossia, la possibilità di NON indossare un abito da sposa. “Mai assomigliare alla sposa” questo uno dei primi grandi principi da tenere in mente mentre si cerca l’outfit perfetto per assistere ad una cerimonia.

Ma chi lo vorrebbe mai? Se pure Bianca Balti risulta goffa in abito da sposa, immaginiamo cosa potrebbe essere di noi comune mortali! Cerchiamo di essere lucide per un secondo levandoci dalla testa quelle immagini pseudo romantiche inculcateci sin dalla tenera infanzia dalle favole Disney.

Kate Middleton? Splendida in abito da sposa, sembrava Cenerentola.

Appunto.

La maggior parte degli uomini, invece, di quel matrimonio ricorda solo Pippa.

Anzi. Il lato B di Pippa.

Come vestirsi al matrimonio dell’ex fidanzato?

Anni fa partecipai a un matrimonio in cui l’ex fiamma dello sposo arrivò vestita di nero. Calze comprese nonostante il caldo. Errore. Grave errore. Trasformarci in donzelle single in lutto è la cosa peggiore che potremmo fare, oltre ad andare contro ogni buona e sensata regola di galateo.

Eliminiamo anche dalla mente ogni tipo di abito troppo scollato (a meno di avere il non seno di Kate Moss, in tal caso si potrebbe fare un’eccezione) o provocante.

Farsi notare e ricordare al matrimonio dell’ex fidanzato è una dignitosa vendetta, sì. Ma non per essere stata al centro delle chiacchiere.

Scegliere un colore pastello. Rosa cipria, azzurro. Oppure se il matrimonio di sera, un blu notte, elegante ma sexy al punto giusto.

Via libera ad abiti lunghi che possano valorizzare la silhouette. Oppure a completi con pantaloni palazzo, larghi e leggeri. Magari con un top molto scollato sulla schiena, dettaglio sexy che non sfuggirà a nessuno, nemmeno al diretto interessato.

Giocare d’astuzia anche con i capelli. Spesso e volentieri, le spose hanno una specie di impalcatura faraonica in testa, fissata con litri di lacca, che va ad aggiungersi ad un makeup realizzato per resistere a pianti, sudore, baci, tempeste e che ovviamente rimarrà così com’è per le tre settimane a venire.

Inutile precisare quindi che oltre ai capelli sciolti sulla schiena nuda, si opterà per un make-up delicatissimo, e quasi invisibile.

Aggiungiamoci un bicchiere di champagne mezzo pieno afferrato con nonchalance, un bel sorriso, empatia per chiunque, pure e soprattutto per l’amico single dello sposo.

Tanta voglia di ballare e divertirsi e magari un nuovo flirt portato con sé per far scattare l’allarme rosso per tutto il matrimonio dell’ex fidanzato.

Leggi anche: La furibonda vendetta di Claudia Gerini