Chi è davvero Ninja di Fortnite: Tyler Blevins, i suoi 27 anni e i suoi 500mila dollari al mese

Avatar
30 Maggio 2019
1759 Visualizzazioni

Campione di Fortnite, Ninja Tyler Blevins ha inizato a videogiocare a 7 anni. Ora ha uno stile di vita da calciatore. Ma non si allena, sta spiaggiato in poltrona

Uno che guadagna 6 milioni di euro all’anno fa notizia? In Italia sì ma solo se è un calciatore. Di certo non uno che li guadagna rimanendo spiaggiato sul divano. Ma siamo nell’epoca del doppio star system: ce n’è uno per gli over 30 e uno per gli altri. Tyler Blevins in sostanza è il Mauro Icardi dei . O meglio, guadagna quanto lui ma non deve allenarsi, non deve andare in ritiro e probabilmente non è oggetto di macelleria televisiva tra talk show e barbaredurso.

Tyler Blevins è un pro gamer, ma potete anche chiamarlo streamer, mentre dire che è uno youtuber è davvero troppo generico e se lo definite così avete di sicuro più di 40 anni. Tyler Blevins ha 27 anni e ha gli occhi e le mani impegnate nei videogames da quando ne aveva 6. Attualmente il suo terreno di gioco è Fortnite, dove risulta terzo miglior giocatore al mondo. Sul suo canale Youtube ha 20 milioni di iscritti. Ma ha anche più di 12 milioni di follower su Twitch (è un social, come altri, non fatene un dramma se non lo conoscete) con una media di 55.000 spettatori per ogni diretta delle partite che gioca.

La sua è una vita da star, sul suo canale duetta con il rapper Drake e va ospite di personaggi tv come Ellen DeGeneres e Jimmy Fallon. Tyler Blevins quando gioca a Fortnite è  “Ninja”. Un mago del videogioco che guadagna circa 500mila dollari al mese.

Come ha fatto Tyler a raggiungere questo livello? E chi è? come vive? Come e con chi spende i suoi dollaroni?

 

EadIlE8-Imgur

Ninja sulla copertina di ESPN Magazine. (Foto ESPN).

Il piccolo Ninja

A scuola Tyler Blevins-“Ninja” parlava di calcio e ogni tanto scalciava palle in giro con gli amici. Poi, come altri milioni, forse miliardi, di suoi coetanei globalizzati, fa dei videogame la sua principale attività quotidiana. Però è diligente, e si diploma. Ma è troppo bravo e nel 2009, quando batte tutti al videogame Halo3, seglie di diventare un professional gamer. In quell’anno Ninja ha solo 17 anni.

Tutto è iniziato per colpa di suo padre. È il padre a trasmettere la passione per i videogiochi a “Ninja”: «Amava i videogiochi già quando iniziarono a presentarsi sul mercato. Raccontava di comprarli per i figli, ma in realtà dopo averci mandato a nanna continuava a giocare fino a notte inoltrata». Tyler Blevins ha due fratelli, che a 10 anni cerca di coinvolgere in sessioni di Halo. Ma Ninja è imbattibile e i bro mollano il colpo.

dtIzInQ-Imgur

Comunque Tyler Blevins è anche fottutamente fortunato: becca proprio le fasi di massimo sviluppo dei videogame e comincia a fare tornei in giro per gli Stati Uniti finché diventa professionista.

Adesso parla da nonno Ninja: «A quei tempi non bastava semplicemente giocare per fare di una passione una professione. Era necessario essere il migliore tra centinaia, migliaia di persone: bisognava vincere».

Ma è su Twitch che fa la grana: nei tornei è così famoso e bravo che fa 100 dollari al giorno trasmettendo le proprie sessioni di gioco. E diretta dopo diretta intorno a lui si forma un mega stadio virtuale che lo porta nel 2018 a fare 500k dollari al mese. Senza contare quelli che gli fanno guadagnare sponsor e marketing.

Come in tutte le edificanti storie di di successo yankee, a un certo punto salta fuori la ragazzotta del Wisconsin, ex pin up e car girl: Jessica Goch, la giovinetta classe 1992 che ha sposato e con la quale cazzeggia in cucina stile Ferragnez.

Dalle foto non si capisce se lui è troppo alto o se lei è la tipica botticella del vino buono. Ma comunque si vede che si amano. Saremmo comunque curiosi di leggere il contratto prematrimoniale dei due.

LEGGI ANCHE:

Elettra Lamborghini, detta Lambo: la millennial leopardata

Il sesso marziale di Ronda Rousey

I millennial vogliono case grandi come quelle dei loro nonni

Come socializzare in Giappone grazie ai videogames

I videogame che attizzano di più nel 2019