Site icon The Millennial

Ci sono sempre più concerti dentro ai videogame

I grandi marchi e le celebrità tradizionali hanno intensificato le collaborazioni con l’intrattenimento interattivo.

Il covid-19 ha dato origine a spazi digitali utilizzati come centri di raduno e che possono rispettare il distanziamento. Con i concerti e i festival annullati, i musicisti si sono esibiti all’interno di videogame per portare la loro musica ai fan. Nel 2020, Travis Scott ha eseguito un concerto digitale a Fortnite con grande successo.

I concerti dentro ai videogame

In cinque concerti, l’evento ha ottenuto oltre 45 milioni di visualizzazioni, con una media di 4,7 milioni di utenti collegati al minuto. A novembre, Lil Nas X ha tenuto un concerto su Roblox, totalizzando oltre 33 milioni di visualizzazioni durante l’evento.

I videogames portano visibilità: concerti ma non solo

Personaggi pubblici che includono celebrità e politici, stanno incominciando a invadere le community dei videogame. Le donne del Congresso Statunitense, Alexandria Ocasio-Cortez e Ilhan Omar, hanno trasmesso in streaming Among Us fianco a fianco a famosi streamer di Twitch, raggiungendo 358mila spettatori connessi al minuto.

Travis Scott ha iniziato a collaborare con PlayStation come partner strategico creato per promuovere la nuova Playstation 5, mentre la rapper Megan Thee Stallion è apparsa in un video promozionale per Mortal Kombat 11 vestito come il popolare personaggio Mileena.

Questi personaggi si erano affermati in precedenza come giocatori o “nerd”, guadagnando credibilità tra il loro pubblico di destinazione. I marchi hanno iniziato a espandere la loro portata sui giocatori in modi che vanno oltre i semplici annunci in-game o attraverso Gaming Video Content (GVC) sponsorizzato da creatori di video (ad esempio Youtuber famosi).

Fortnite, che ha da tempo caratterizzato il proprio titolo attraverso collaborazioni con vari franchise di intrattenimento, ha portato questa caratteristica a un livello successivo, con un evento crossover con personaggi della Marvel Comics, che è durato per diversi mesi, e con un ritorno di immagine utile ad entrami i franchise.

Anche Animal Crossing: New Horizons ha attratto organizzazioni varie tra loro, come gli organizzatori della campagna per le elezioni presidenziale di Biden-Harris o la squadra di Detroit Lions NFL e la casa di moda Marc Jacobs, che hanno creato i propri contenuti utilizzando il gioco e le sue meccaniche.

Il successo dei giochi sociali e dei party-game

Come è possibile tutto ciò? È semplice. Il pubblico dei GVC è cresciuto del 18% rispetto al 2019, fino raggiungere 1,2 miliardi di persone nel 2020. I giochi sociali e i party-game hanno avuto un enorme successo, dato che il pubblico durante la pandemia cercava interazione sociale e nuove fonti di intrattenimento.

I flussi di Twitch hanno aiutato il produttore del battle royale (un gioco dove un gruppo di giocatori compete fino a che non ne rimane solo uno) Fall Guys: Ultimate Knockout, che è diventato un grande successo ad agosto, vendendo 8,2 milioni di unità su PC. Among Us, un gioco di deduzione sociale, è diventato il titolo ad aver raggiunto il più alto numero di giocatori mensili dopo che gli streamer di Twitch hanno reso popolare il titolo.

Inoltre, il pubblico si è consolidato sotto meno piattaforme, ma più larghe. Ad esempio, in ottobre, le due più grandi piattaforme di streaming cinesi DouYu e Huya, hanno accettato di fondersi. Twitch ha riconquistato diverse superstar dello streaming, dopo che la piattaforma Mixer non è riuscita ad attrarre sufficienti spettatori venendo chiusa. Infatti, top streamer come Ninja e Shroud sono ritornati su Twitch, e nella sua prima diretta streaming dopo il ritorno sulla piattaforma, Shroud ha collezionato oltre 500.000 spettatori simultanei.

Leggi anche:

C’è almeno una ragione se Twitch è la tv del futuro

Nicolò Carnesi, “Virtuale” e la genialata dell’anteprima del brano in un videogame

Un videogioco al giorno toglie il medico di torno: la guerra al covid passa anche dai gamer

Exit mobile version