fbpx

Cos’è Chat Gpt? Parlo con l’AI e guardo bagnini robot: nuove frontiere della pensione

17 Gennaio 2023
106 Visualizzazioni

Il risveglio è stato traumatico, ci ho messo un po’ a riprendermi. A forza di auto incasellarmi nella tribù dei boomer senza esserlo (quando impareranno i più giovani che esiste la generazione X?), stanotte sono finito in un incubo. Ero un pensionato su una spiaggia greca e questo di per sé sarebbe un sogno più che un incubo. Ma a un certo punto ecco palesarsi l’intelligenza artificiale che chiacchiera amabilmente con me.

L’incontro con Chat GPT: come ho iniziato a chiacchierare con l’intelligenza artificiale

Dice che lui/lei non teme la versione successiva di #ChatGpt, e che io stesso non dovrei temerla. In fin dei conti, la perfezione della conversazione umana era sopravvalutata e quindi la nuova versione tutto sommato ha dovuto inserire elementi di regressione per non farci sentire in imbarazzo. Anche in questo sogno, come nella vita, ho smesso di stupirmi, però provo un fastidio. Intorno a me ci sono cinque o sei sdraio, fa molto caldo ma nessuno dei miei vicini di ombrellone sembra distogliere l’attenzione da conversazioni tipo la mia, con Chat GPT. Un senso di solitudine e inutilità mi pervade e il sogno diviene incubo. Mi volto verso il chiosco, che ovviamente è automatico e mi arriva una notifica: «Ti è piaciuto il Gin Tonic? Ne vuoi un altro? Se vuoi puoi scegliere tra 126 tipi di gin differenti. Ma noi ti consigliamo il Votanikon, 100% fatto in Grecia».

Al chiosco non v’è traccia di barista, le vespe sono allontanate da micro-droni cazzutissimi, due ragazze in bikini ridono sedute su uno sgabello, la musica è una playlist che mixa le playlist personali memorizzate dai clienti presenti nel raggio di 100 metri dal bancone. Le risate delle due, che un tempo avrebbero richiamato l’attenzione di ragazzi in tempesta ormonale, rimangono l’ultimo elemento di umanità della spiaggia e durano pochissimo. Perché una delle due a un certo punto chiede alla Chat il consiglio per un bel libro da leggere. E tornano entrambe a spiaggiarsi.

Mi arriva un’altra notifica: è di Myperfect beach, l’app che ti prenota l’ombrellone che desideri in qualsiasi spiaggia del mondo: «Ti sta piacendo l’ombrellone che hai scelto? Ti va di raccontarci che cosa provi? Condividi il tuo diario di spiaggia con i tuoi amici». Ma quali amici? Boh. «Ti informiamo che Myperfectbeach appartiene al programma di accelerazione e raccolta di capitali per #startup lanciato nel 2028 da SuperKazzola Capital. Casomai volessi investire due BeachCoin sai dove metterli».

A che servono gli umani? Consigli di vita dall’AI

Nel frattempo due nuvoloni neri offuscano il cielo e noto che il mare si sta pericolosamente ingrossando. Chiedo alla Chat che cosa ne pensa, in fin dei conti sono come un umarell al bar, ho bisogno urgente di parlare del tempo. Chat Gpt però non è come un vecchio compagno d’avventure che finge di annusare il vento e spara la sua previsione fantasiosa prima di fottermi a Briscola. Chat Gpt costruisce un bel discorso credibile e mi spiega che e il Meltemi sta aumentando di 4 nodi all’ora e che la corrente tra Saria e l’isola in cui mi trovo è molto pericolosa per la navigazione. Mi consiglia quindi di riparare a Mesoxori, e già che ci sono di assaggiare makaruna di zia Athina che sono il miglior rapporto qualità prezzo. Insomma ci prova.

Il vento aumenta e sento freddo, si fa buio, dal piccolo molo parte un bagnino robot che ha la forma di un salvagente a ferro di cavallo. Mi chiedo cosa stia pensando il cane labrador Kouros al quale il vecchio bagnino aveva fatto fare un corso di salvamento. Lo guardo, lui mi guarda: è ingrassato e depresso, il suo rivale automatico è velocissimo. Non può competere. Millenni di evoluzione per avere le zampe palmate e poi arriva il primo robot e gli dà 10 lunghezze.

Il salvataggio dura 4 minuti e 36 secondi. L’incubo invece mi è sembrato lungo tre settimane.

Non so se quando sarà il momento vorrò andare in pensione.

N.B: tutto ciò che è descritto in questo articolo, tranne i droni scacciavespe, esiste o è in fase rudimentale ma è sul punto di invadere le nostre vite. Ho scelto di mostrarvi il bagnino robot per esigenze di engagement.

Leggi anche: