Cos’è The Inner Circle? Un Tinder per genitali esclusivi: qualità dei membri!

La qualità dei membri è tutto

Consuelo Crespi
8 Maggio 2019
521 Visualizzazioni

E’ da un po’ di tempo che Facebook mi spamma annunci di un’app di incontri, The Inner Circle. All’inizio li ho ignorati, scrollando oltre, ma in poco tempo sono diventati insistenti e di conseguenza mi sono incuriosita. Cos’è The Inner Circle? In pratica un’applicazione di dating come Tinder, con la differenza che all’interno ci bazzicano persone esclusive, a detta degli sviluppatori.

 

Tu sei esclusivo, barbone?

Nel dettaglio, con persona “esclusiva” si intende sostanzialmente una persona ricca, in carriera, ben inserita nella società, con un giro di amici che valgono e si fanno le vacanze a St Tropez… sono questi i semplici requisiti che ti permettono di entrare nell’app The Inner Circle.

Ho capito quindi, che lo spam era dovuto ai messaggi whatsapp di mia madre e delle mie zie che mi scrivono sempre, tutto in maiuscolo: “TESORO, TI DEVI TROVARE UN UOMO RICCO!”. No, non mi sono iscritta, probabilmente non ho i requisiti per far parte di questo clan, ma ho cercato lo stesso di capire come funziona The Inner Circle.

Per prima cosa The Inner Circle cerca di mascherare la sua ipocrisia sostenendo di essere interessata alla qualità dei suoi membri, probabilmente senza nemmeno essere consapevole al doppio senso. In realtà vuole solo che la classe dominante prolifichi in eterno, diventando sempre più avara e potente. Il gene ricco non deve assolutamente mischiarsi col gene dei poracci che cercano di arrivare a fine mese. Così si evita la nascita di una generazione meticcia che non sa apprezzare la gioia di poltrire su uno yacht per diritto di nascita. Il genitore povero insisterà tutto il tempo che il figlio si guadagni i soldi umilmente, e non sia mai!

Come valutare la tua povertà (e quindi impedirti di chiavare)

Per evitare che ciò accada The Inner Circle fa un lavoro molto accurato: quando un utente si iscrive, il team di analisi si interessa alla sua formazione, alla professione, vengono setacciate tutte le fotografie sui social e i profili Linkedin. Se si accorgono che hai postato foto in cui eri ubriaco ad una festa o se lavori come impiegato part time, sei fuori, eliminato, bannato per il resto della tua vita. Devi essere in grado, nell’eventualità, di scarrozzare una fighetta sulla cabrio, se no che ci stai a fare lì dentro?

Il meccanismo è un po’ come quello dei colloqui di lavoro: ci metti così tanto per farti prendere che poi alla fine, inconsciamente, come se fossi sotto contratto, ti impegni davvero, evitando le relazioni lampo per qualcosa di più duraturo.

E per la figa?

Per le ragazze, ovviamente, il meccanismo di accettazione è più clemente, nel senso che se sei oggettivamente bella possono chiudere un occhio sulla tua professione. Insomma, abbiamo già capito che cos’è The Inner Circle: un’app a favore di un mondo ingiusto e superficiale. Il potere della vagina è superiore perfino al potere del denaro, e continua a impartirci lezioni di vita illuminanti.

 

I numeri (per tua fortuna non si parla di centimetri)

A oggi The Inner Circle registra 125 mila utilizzatori e 110 mila in lista di attesa. La città italiana in cui viene più utilizza? L’è Milan ovviamente, che ne sanno i giargiana del business in amore.

Visto il numero di iscritti intuiamo che quest’app funziona e se alla luce del sole lottiamo per parità e uguaglianza, nel privato vogliamo ancora frequentare persone socialmente simili a noi. Ci resta che stare muti, hanno vinto loro!

Non so chi siano questi 125mila utilizzatori, ma quelli che sono usciti dal clan parlano di peni molto piccoli compensati da grossi macchinoni, e donne borghesi che oltre all’eredità economica hanno ereditato anche il gene della stronza. Ma il problema non sono loro, i miserabili continuino a starne fuori, tanto in ogni caso non vorranno investire con un abbonamento di 39,99 € al mese.

Ed eccoci alla famosa sigaretta e alle coccoline

Non voglio generalizzare, ma se decidi di iscriverti a The Inner Circle un po’ opportunista devi esserlo per forza  anche se non lo hai piccolo – e di questo posso darti il diritto. Ma non posso non riflettere sul tema dell’amore e delle classi economiche, concetto che nel 2019 credevo superato.

Però se mi dite che la cultura e l’appartenenza sociale contribuiscono alla nascita di un amore duraturo, posso provare a credervi, sarà che mi sono riempita la mente fin da piccola con storie d’amore e letteratura.

Non posso non pensare ad Elizabeth Bennet di Orgoglio e Pregiudizio, sicuramente non zappava la terra, ma ai giorni d’oggi non si sarebbe potuta iscrivere a The Inner Circle e trovare il ricco scapolo Darcy, un’amore stroncato ancora prima di nascere. La benestante Rose di Titanic si sarebbe sposata con l’arrogante Cal, se fosse per The Inner Circle rovinando una storia d’amore in grado di strapparti il cuore dal petto. L’orfana Jane Eyre e Mr. Rochester, Noah e Allie de Le pagine della nostra vita. Sicuramente amori sofferti, ma molto più interessanti di una gita sulla barca del papi nel weekend.

 

Se non sei povero, iscriviti a The Inner Circle.

 

Se invece sei povero, LEGGI ANCHE:

Cercare su Tinder un leopardo delle nevi e trovare solo fantasmini e sognatori

Bad Guy testo. Il segreto di una relazione? Comportarsi come un uomo