Dipendenza da cellulare: perché i 20enni odiano i genitori attaccati allo smartphone

Redazione
2 dicembre 2018
8 Condivisioni 84 Visualizzazioni

Come i ragazzini dei ’90 che sgridavano i papà fumatori, i GenZer trovano patetici i genitori affetti da dipendenza da cellulare e dal touch screen

L’attivissimo Pew Research Center ha pubblicato un rapporto su dipendenza da cellulare e in particolare sul tempo passato allo schermo di smartphone, ipad ecc. Ebbene, il 54% dei GenZer adolescenti (13-17 anni) sta elaborando una singolare preoccupazione: la paura di passare troppo tempo con gli occhi incollati allo schermo.

Il tema angoscia le famiglie da un pezzo: due terzi dei genitori sentono che nel troppo tempo che i propri giovani con il cellulare passano allo schermo c’è qualcosa di malsano. Ma l’aspetto interessante è che qui non sono più gli adulti a preoccuparsi: è del 52% la percentuale degli adolescenti americani che ha deciso di disciplinarsi se non addirittura di disintossicarsi dalla screen addiction.

L’esercizio di imporsi dei limiti non riguarda soltanto la dipendenza da cellular e smartphone ma anche e soprattutto quello dei social media (57%) e dei videogiochi (58%). Del resto, dopo anni di dibattiti e con ben chiari i danni fatti sui millennial, parrebbe che i genitori abbiano deciso di imporre ai figli una sorta di controcultura anti-smartphone.

Gli adulti stessi ne stanno sperimentando gli effetti perniciosi: il 36% degli over 35 si preoccupa di passare troppo tempo sui telefoni anche se difficilmente ammette una vera e propria dipendenza da cellulare.

Un po’ come quando i ragazzini negli anni 80 e 90 facevano sentire in colpa i genitori fumatori, gli adolescenti non perdono occasione per rimarcare ai loro genitori quanto il telefono sia negativo nelle conversazioni: il 51 per cento dei ragazzini denuncia di avere difficoltà a parlare con mamma e papà perché troppo spesso distratti da un telefono.

Il livello di consapevolezza sulla dipendenza da smartphone e touch screen aumenta dunque, scongiurando, forse qualche scenario alla Black Mirror. I Big Tech ne prendono atto, per fortuna e Google, Facebook, Apple e altri stanno lanciando iniziative per aiutare a gestire il tempo trascorso sui dispositivi. Ci vorrà tempo e qualche battaglia, la strada è stata intrapresa.

LEGGI ANCHE:

Facebook, un paese per vecchi

Confessione shock di un millennial del 1994: perché non uso Facebook e nessun social

Riflessioni su Facebook: cyber bulli o bulli tradizionali?

Flirtare in chat è tradimento? Forse no: a volte preserva da quello fisico

Disturbi psichiatrici, 12 milioni di prestazioni: alé, la generazione X dà di matto!

I social network raccontano la realtà?

Come richiedere la spunta blu su Instagram

 

Potrebbe interessarti

Ripercorriamo l’anno tramite i principali trend Instagram 2018: perché tutti questi cuoricini?!
Internet
23 visualizzazioni
Internet
23 visualizzazioni

Ripercorriamo l’anno tramite i principali trend Instagram 2018: perché tutti questi cuoricini?!

Anna Giulia Bevilacqua - 14 dicembre 2018

Il 2018 volge al termine ed è arrivato il momento di tirare le somme. Ma, se per la vostra vita…

Difendere Sfera Ebbasta: lo fanno i giornali dei vecchi ed è pubblicità occulta
News
2 condivisioni23 visualizzazioni
News
2 condivisioni23 visualizzazioni

Difendere Sfera Ebbasta: lo fanno i giornali dei vecchi ed è pubblicità occulta

The Millennialist - 13 dicembre 2018

Il cantante di Cinisello è colpevole o innocente nel caso della tragedia di Corinaldo? All'indomani della tragedia di Corinaldo, mancava…

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte
Arte
8 condivisioni46 visualizzazioni
Arte
8 condivisioni46 visualizzazioni

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte

Valeria Mangano - 13 dicembre 2018

Se dico Il nome della Rosa probabilmente pensate prima a Sean Connery e solo dopo a Umberto Eco. Questo perché…