Perché la Digital Audio Strategy è indispensabile per i Brand in questo Nuovo Mondo

Avatar
4 Settembre 2020
138 Visualizzazioni

Se l’epidemia di Covid-19 ha dato un segnale forte al mondo della comunicazione, è che i canali audio sono più vivi e forti che mai. L’utilizzo di podcast, radio, visual radio e assistenti vocali è letteralmente esploso durante il lockdown e si è rinnovata l’attenzione per un mondo che è troppo spesso poco valutato dai marketing manager. 

Eppure per un brand, sempre più in lotta per l’attenzione degli utenti e dei pubblici, l’audio rappresenta una risorsa importante che va sfruttata con piena consapevolezza. 

Per farlo è necessario impostare una strategia audio digitale (o digital audio strategy) capace di integrarsi con le strategie più generali e creare attenzione, attrazione e fidelizzazione dei pubblici. 

digital audio strategy call to action

Parlare di digital audio strategy significa porsi obiettivi concreti e misurabili, ragionare sui canali (radio, web radio, radio app, skill Alexa, Podcast sulle piattaforme da Spotify e iTunes in giù) capire come i contenuti già in possesso del brand siano declinabili su questi media e quali contenuti proporre e produrre in formato originale. 

Si è fatto, per esempio, un gran parlare di podcast in questi mesi: uno degli strumenti più noti della prima internet che ora trova il suo compimento. Ma creare un podcast è una operazione che richiede attenzione, esperienza e capacità di integrazione nelle strategie: in questo 22HBG, grazie alla sua esperienza con brand quali Giuffré Editore, Goodfellas di Antonio Gerardi, Il Sole 24 Ore, Widom e la tecnologia radiofonica (con partner del calibro di RDS, RTL, Elenos) è il partner ideale per qualificare una strategia audio digitale capace di essere efficiente in termini di costo ed efficace in termini di performance. 

 

LEGGI ANCHE:

Radio e tv in streaming: Consultmedia e 22HBG insieme per i contenuti sugli smart speaker. Per millennial evoluti

Mentre ascolti Spotify ti ricordiamo che il 6 Ottobre del 1924 è partita la radio in Italia

Le tecnologie di riconoscimento facciale in Italia sono tutte cinesi. E quindi?