Site icon The Millennial

First Playable: l’evento italiano dei videogame, un settore d’oro

È ancora il turno di First Playable, l’evento italiano del settore videoludico.

First Playable torna per la terza volta. L’evento che permette agli studi di sviluppo italiano di proporre e promuovere nuovi progetti made in Italy a studi internazionali leader nel settore si terrà l’1 e il 2 luglio. Organizzato da IIDEA in collaborazione con Toscana Film Commission, la kermesse punta a far crescere il settore dei videogames in Italia.

Cos’è IIDEA?

IIDEA è l’Associazione di categoria dell’industria dei videogiochi in Italia. Fondata agli inizi degli anni 2000, dà identità e voce comune al settore e indirizza con un approccio unitario i temi di interesse condiviso.

«Con oltre 80 aziende presenti all’interno di IIDEA, l’Italia ha senza dubbio una comunità vivace ed è uno dei principali attori dell’industria globale». Queste le parole di Rocco Scandizzo, Head of Games Engine Business Development per l’Europa di Epic Games, una delle ultime aziende a essere entrata a far parte dell’associazione italiana.

Per capirci, Epic Games è lo sviluppatore di Unreal Engine, uno dei motori grafici più importanti al mondo e utilizzato da molti titoli di fama mondiale. Epic Games è anche lo sviluppatore di Fortnite, gioco di fama planetaria e uno dei videogame più giocati al mondo.

Altro ingresso recente è quello della Riot Games, publisher di fama internazionale conosciuto principalmente per titoli come League of Legends e Valorant.
Grazie al lavoro di Marco Saletta (presidente di IIDEA) e collaboratori, il mercato videoludico italiano sta diventando oggetto di un rinnovato interesse e la voglia di mettersi in prima linea per affrontare le problematiche che ancora lo frenano – soprattutto in ambito e-sports – non è mai stata così elevata.

First Playable e Italian Video Game Awards

Confermata nonostante la pandemia dell’ultimo anno e regolamentata di conseguenza, l’edizione di quest’anno vedrà la partecipazione di oltre 70 studi di sviluppo italiani, provenienti da tutto il territorio nazionale, ai quali verrà data l’opportunità di connettersi con 50 tra i più importanti editori internazionali del settore videoludico provenienti da 14 paesi.

First Playable è un evento “Business to Business”, una sorta di acceleratore che permetterà ai team italiani di promuovere nuove idee, progetti e prototipi a publisher e investitori di caratura internazionale, tramite una sessione di “pitching” (il “pitch” non è altro che il momento in cui dobbiamo presentare il nostro progetto, che equivale al lancio dell’idea), caratterizzata da oltre 260 ore di meeting.

Per aiutare le aziende italiane, quest’anno una delle attività dell’evento prevede una sessione di coaching preparatorio a favore degli sviluppatori denominato “Ready to Pitch”, dove verranno forniti consigli e suggerimenti su come proporre al meglio progetti e idee. Sarà Edward Valiente a tenere questa sessione: stiamo parlando di un professionista di caratura internazionale con oltre 20 anni di esperienza nel mondo videoludico, che può annoverare nel suo curriculum periodi lavorativi per aziende quali Sony, Squaresoft, Microsoft, Namco e Nintendo.

Gli Italian Video Game Awards

Alla fine della due giorni si terrà la diretta dedicata agli Italian Video Game Awards (IVGA), in live streamig direttamente dal “Museo delle Navi Antiche di Pisa”. La location, scelta per l’accostamento a un mondo di archeologia antica che richiama la navigazione e la scoperta, ospiterà la premiazione di 5 categorie i cui vincitori saranno selezionati da parte di una giuria composta da 8 giornalisti e professionisti internazionali del settore.

Le 5 categorie saranno le seguenti:

Questo evento, oltre che essere un’opportunità unica per gli studi di sviluppo italiani, è anche la manifestazione evidente di come il nostro paese sta cercando di diventare uno dei leader nel mercato videoludico. L’interesse sempre più ampio da parte di aziende internazionali lascia intendere che gli anni che verranno saranno anni d’oro in Italia per il settore dei videogiochi.

Leggi anche:

Ci sono sempre più concerti dentro ai videogame

E-sport e professione gamer, quando il videogioco diventa un lavoro ben pagato

Gli esports supereranno il calcio? Sembra solo essere una questione di tempo

Exit mobile version