fbpx

Radio GAMeC, progetto strafico ‘benedetto’ dall’Unesco, va su Clubhouse: la tendenza

20 Febbraio 2021
750 Visualizzazioni

Clubhouse, il nuovo social audio, è una manna per il mondo delle radio. Soprattutto per il progetti trasversali.

Radio GAMeC on Clubhouse è il nuovo esperimento di Radio GAMeC, progetto della Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo nato durante la pandemia, in attesa di un’altra fase che la porterà a diventare presto una vera e propria Web Radio.

Cos’è Radio GAMeC

Radio GAMeC, nata durante l’emergenza sanitaria sui canali social del museo e riconosciuta dall’Unesco come una delle migliori iniziative museali al mondo nate durante il lockdown, dopo 66 appuntamenti in diretta Instagram, il successo delle 5 serate di Radio GAMeC Real Live e le 16 puntate itineranti a bordo del camper di Radio GAMeC PopUp insieme a Radio Popolare, è ora approdata sulla nuova piattaforma social. Una scelta che presto potrebbe rappresentare il futuro per chi fa radio.

Intanto, dal lunedì al venerdì dalle 08.30 alle 09.00, Lorenzo Giusti e Lara Facco – per la Radio GAMeC – invitano numerose personalità del sistema dell’arte a conversare apertamente e in modo partecipativo su tematiche attuali in una striscia quotidiana di 30 minuti.

Radio GAMeC on Clubhouse: tematiche

Un appuntamento quotidiano per condividere testimonianze e ragionare insieme sul momento che stiamo attraversando ormai da un anno e sulle trasformazioni che ci impone. Un modo per fare muovere il pensiero e continuare a respirare cultura, nonostante le tante limitazioni, per raccontare la complessità del mondo dell’arte in questo presente e immaginare un futuro tutto da costruire. Una finestra aperta alla partecipazione e al confronto, come nella natura di Clubhouse.

Lunedì 22 febbraio Lorenzo Giusti e Lara Facco converseranno di produzioni video con il duo di videoartisti MASBEDO e con Micaela Deiana, Art Curator and Event Manager di Fondazione Sardegna Film Commission.

Martedì 23 febbraio si parlerà di città d’arte e arte contemporanea insieme a Arturo Galansino, Direttore Generale della Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze, e Mauro Baronchelli, Direttore Operativo di Palazzo Grassi e Punta della Dogana a Venezia.

Si proseguirà mercoledì 24 febbraio con Antonio Lampis, Direttore della Ripartizione Cultura della Provincia Autonoma di Bolzano, e Massimiliano Tonelli, Direttore Editoriale di Artribune, affrontando le nuove forme di coinvolgimento e le nuove modalità di racconto dei musei e degli spazi culturali.

Tommaso Sacchi, Assessore alla Cultura, Moda e Design e Relazioni Internazionali del Comune di Firenze, e Stefano Baia Curioni, Professore Associato di Storia Economica all’Università Bocconi e Direttore della Fondazione Palazzo Te di Mantova, ci parleranno di politiche e strategie culturali per città d’arte e capitali della cultura, giovedì 25 febbraio.

Infine, venerdì 26 febbraio, le due curatrici e storiche dell’arte Barbara Casavecchia, contributing editor di Frieze, e Paola Nicolin, contributor di Artforum, ci racconteranno come di scrive d’arte dall’Italiana per le riviste internazionali.

Leggi anche: