Tre notizie di novembre dal mondo digitale

26 Novembre 2022
237 Visualizzazioni

L’aria natalizia non si fa sentire per niente e il 2022 si avvia lento a una triste fine. È tempo però di fare un po’ di bilanci. Ecco allora tre notizie di novembre dal mondo digitale.

1. Finalmente puoi scriverti da solo su Whatsapp

Lo so che il titolo sembra ironico, ma è esattamente così. La nuova funzione che Whatsapp ha implementato consiste nella possibilità di scrivere a se stessi. In realtà, una volta era possibile salvare il proprio numero telefonico su iOS, ma questa opzione era stata eliminata in quanto incompatibile con la modalità multi-dispositivo. Ora ritorna con gli interessi, consentendoci quindi di nutrire il nostro ego con messaggi auto inviati. Chiaramente, questa funzione potrebbe essere utilizzata come “reminder” o comunque blocco note per appunti veloci, ma siamo sicuri che sia una buona idea? Al netto del fatto che esistono milioni di app, native e non, per prendere appunti più velocemente e meglio, questa nuova funzione denota due cose. La prima è che si dà per presupposto che tutti noi abbiamo Whatsapp perennemente aperto sullo smartphone e questo direi che è piuttosto scontato. La seconda è che siamo diventati così pigri da non aver mai sfruttato appieno l’integrazione della piattaforma con calendari, to do list ecc, preferendo tenere tutto in un’unica, caotica applicazione.

Detto questo, comunque Whatsapp ha anche integrato la possibilità di creare e inviare sondaggi, quindi potete unire entrambe le cose e rispondervi da soli alle vostre stesse domande, ça va sans dire.

2. KFC Germania tira in ballo i nazisti nella sua promozione

Dura vita per i Social Media Manager di KFC. Il comparto tedesco della celebre catena, infatti, è incorso in una colossale cantonata, andando addirittura a scomodare i nazisti. Sì, perché gli utenti si sono visti recapitare l’invito a festeggiare l’anniversario della Reichspogromnacht mettendo formaggio tenero sul loro pollo croccante. Peccato che il 9 novembre 1938 non sia esattamente festa nazionale in Germania, dato che si tratta della Notte dei Cristalli, nella quale decine e decine di sinagoghe vennero distrutte e innumerevoli beni di ebrei sequestrati in quello che è considerato uno dei più gravi pogrom nella Germania Nazista e il preludio a misure molto più severe e spietate nei confronti del popolo ebraico. 

Si può immaginare lo stupore degli utenti di fronte a un invito promozionale del genere. Subito sono scattate feroci polemiche, che hanno costretto KFC a correre ai ripari dando la colpa a un BOT che, prendendo le varie celebrazioni inserite a calendario, ha semplicemente “fatto il suo lavoro” inserendo la promozione. Difficile dire se la giustificazione sia peggiore del danno, dato che le commemorazioni inserite a calendario dovrebbero essere validate da qualcuno e comunque questo denota un uso amatoriale, per dirla in parole leggere, dei social da parte di chi dovrebbe avere campagne ad alto budget e ad alto livello. Complimenti, davvero.

3. “Twitter sì, Twitter no, Twitter gnamme, se famo du spaghi”

Non me ne vogliano Elio e le Storie Tese, ma con Twitter ed Elon Musk siamo arrivati alla parodia. Dopo la problematica acquisizione e l’avvento del magnate, con tanto di lavandino in mano, negli uffici della piattaforma, è iniziato il delirio. Oltre al casino delle spunte blu a 8 dollari, il licenziamento di metà del personale e le minacce per tutti gli altri, Musk non intende fermarsi. Nei suoi soliti annunci un po’ criptici, il buon Elon si è scagliato contro la funzionalità che permette di sapere da quale piattaforma sono stati mandati i Tweet (il famoso “Twitter from iPhone” che ci ha regalato tante gaffe nel passato recente), adducendola come una delle cause del rallentamento della app. In ogni caso, la situazione attuale di Twitter sta spaventando gli investitori, tanto che la più grande società al mondo di pubblicità, la GroupM, ha classificato come ad “alto rischio” gli spazi pubblicitari su Twitter, con tutte le conseguenze del caso. Riuscirà Elon Musk a ridisegnare Twitter a sua immagine e somiglianza e a farla rendere? Il lavandino continua a non promettere bene.

Leggi anche: