Il Paese più ricco dell’Africa? Wakanda! E Black Panther è il suo giustiziere

16 febbraio 2018
4 Condivisioni 1648 Visualizzazioni

E’ appena uscito Black Panther. Il film è ambientato in Africa. Protagonista, il supereroe Marvel apparso per la prima volta in Capitan America: Civil War. Il Millennial, da anni invasato con queste storie di supereroi, si è presentato alla proiezione con un assillante quesito: ma ci saranno i grattacieli e i gingilli ultratecnologici o sarà una specie di safari in tuta? Ancora non sapeva che Wakanda è il paese più ricco dell’Africa…

Probabilmente, dalle prime anteprime, questo film ha smosso poco interesse tra i fan del genere perché “dai, è ambientato in Africa, niente grattacieli e gingilli ultratecnologici, tutto elefanti e giraffe“, ma a mano a mano che uscivano trailer su trailer si è rivelato un film molto più interessante di quello che potesse sembrare. Lo stimolo definitivo per andare andare al cinema è venuto dalla colonna sonora colossale interamente curata da Kendrick Lamar.

Black Panther non è altro che il re del Wakanda, il paese più ricco dell’Africa, uno stato immaginario che, diversamente da quello che tutti pensano (almeno nel film), è tecnologicamente più avanzato perfino degli Stati Uniti. Il segreto del Wakanda? Il vibranio, un metallo indistruttibile presente nelle grotte wakandiane e utilizzabile per quasi ogni cosa.

Questo superhero movie lancia un messaggio contro il razzismo e abbozza la speranza che basti un solo Paese ricco per salvare i Paesi africani più poveri. Il messaggio è talmente potente che in sala, tra il ruminamento da popcorn, ci sono stati commenti di acume geopolitico del tipo “Se esistesse veramente un paese così non ci sarebbero più immigrati“.

Amanti dei fumetti preparatevi perché vedrete qualche cambiamento nel vostro supereroe africano. In questo film non si poteva non inserire la “figata tecnologica”, perciò hanno deciso di pensare una supertuta per il nostro eroe in grado di assorbire la forza di un colpo subìto e respingere l’energia sovraccaricata, tramite un’onda d’urto, quando si preferisce.

Il film rappresenta una vera rivincita dell’Africa. Tuttavia si parla di uno stato che, nonostante sia il Paese più ricco dell’Africa, è ancora chiuso nelle tradizioni e nascosto agli occidentali per paura di sfruttamenti, guerre e altri disastri.

Come anticipato, Kendrick Lamar ha curato interamente una colonna sonora completamente “black” dando un plus ad una già eccellente pellicola. Possiamo già sentire hit di successo su Spotify come Pray for me insieme a The Weeknd e il già tormentone radiofonico All the stars con il ritornello di SZA.

Cè chi dice che l’Africa sia il continente più ricco del mondo. Con Wakanda forse lo diventerebbe davvero. Ma come reagirebbero gli altri?

 

E dopo aver scoperto qual è il Paese africano più ricco, LEGGI ANCHE: Viaggio in Italiansubs, tra i millennial che traducono le serie tv

Potrebbe interessarti

Ripercorriamo l’anno tramite i principali trend Instagram 2018: perché tutti questi cuoricini?!
Internet
35 visualizzazioni
Internet
35 visualizzazioni

Ripercorriamo l’anno tramite i principali trend Instagram 2018: perché tutti questi cuoricini?!

Anna Giulia Bevilacqua - 14 dicembre 2018

Il 2018 volge al termine ed è arrivato il momento di tirare le somme. Ma, se per la vostra vita…

Difendere Sfera Ebbasta: lo fanno i giornali dei vecchi ed è pubblicità occulta
News
2 condivisioni29 visualizzazioni
News
2 condivisioni29 visualizzazioni

Difendere Sfera Ebbasta: lo fanno i giornali dei vecchi ed è pubblicità occulta

The Millennialist - 13 dicembre 2018

Il cantante di Cinisello è colpevole o innocente nel caso della tragedia di Corinaldo? All'indomani della tragedia di Corinaldo, mancava…

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte
Arte
11 condivisioni50 visualizzazioni
Arte
11 condivisioni50 visualizzazioni

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte

Valeria Mangano - 13 dicembre 2018

Se dico Il nome della Rosa probabilmente pensate prima a Sean Connery e solo dopo a Umberto Eco. Questo perché…