Site icon The Millennial

30 foto d’autore da Lanzarote, pura bellezza a impatto zero

Nell’ottobre 2017 si è tenuta a Lanzarote una conferenza internazionale sull’enorme impatto dell’industria del turismo: uno dei settori economici più influenti del pianeta. Perché proprio a Lanzarote? Be’, godetevi la gallery di Diego Mayon, 30 foto di pura bellezza a impatto zero, e capirete.  

Le Nazioni Unite hanno designato il 2017 come “Anno internazionale del turismo sostenibile per lo sviluppo” con lo scopo di sostenere un cambiamento nelle politiche, nelle pratiche commerciali e nel comportamento dei consumatori verso un turismo più sostenibile, a livello locale, regionale e globale. La scelta di Lanzarote non è stata casuale perché la parte più orientale dell’isola delle Canarie è uno degli esempi più riusciti di turismo sostenibile.

Lanzarote è l’unica isola al mondo ad avere nella sua totalità lo status di Riserva della Biosfera, ottenuta dall’UNESCO nel 1993.

Dopo più di venti anni questo status è ancora mantenuto grazie a due fattori principali.

In primo luogo grazie alla figura di César Manrique, artista ed ecologista che ha avuto una grande influenza sui regolamenti di pianificazione dell’intera isola, dalla metà degli anni Sessanta fino alla sua morte, nei primi anni Novanta. Manrique è stato in grado di creare una serie di attrazioni basate su un rispettoso dialogo tra arte e natura, generando un turismo sostenibile che preservasse l’integrità della terra, senza rinunciare ai benefici economici e sociali per la popolazione locale, legati allo sfruttamento del turismo.

Un secondo fattore che permette a Lanzarote di mantenere un ottimo equilibrio tra turismo e conservazione del territorio è il piano territoriale insulare adottato nel 2001 dal governo delle Canarie, appunto per proteggere la terra e gli abitanti dal forte aumento del turismo. Il piano è servito, soprattutto, per limitare e controllare lo spazio edificato.

Questi due fattori hanno permesso a Lanzarote di sviluppare un turismo sostenibile che riesce a mantenere un equilibrio tra i bisogni degli abitanti e quelli dei turisti, sia proteggendo le risorse naturali dell’isola, sia sfruttandole sotto forma d’intrattenimento.

 

LEGGI ANCHE: Che cos’è il “begpacking”, l’ultimo sport estremo per viaggiare gratis

Exit mobile version