Quanti contenuti realizzati con l’IA vedremo? Infiniti, è un buco nero faustiano

21 Aprile 2024
352 Visualizzazioni

Foto, testi, influencer, tutto ciò che c’è nella Rete attuale sarà sostituito dall’IA entro il 2026. Sembrava una delle solite teorie complottiste. Invece…

C’è una teoria popolare che circola nei salotti della cospirazione ormai da circa sette o otto anni. Si chiama teoria dell’Internet morto e la sua argomentazione principale è che i contenuti organici, creati dall’uomo, che hanno alimentato il primo web negli anni Novanta e 2000, sono oggi sostituiti da contenuti creati artificialmente, che ora dominano ciò che le persone vedono online. Pertanto, Internet è “morto” perché il contenuto che la maggior parte di noi consuma non è più creato da esseri viventi (umani).

Ma c’è un’altra componente della teoria, ed è qui che entra in gioco la parte della cospirazione. La teoria di Dead Internet afferma che questo passaggio dai contenuti creati dall’uomo ai contenuti generati artificialmente è stato intenzionale, guidato da governi e aziende al fine di sfruttare il controllo sulla percezione del pubblico. Fantastica ambientazione per un techno-thriller ma piuttosto assurdo nella realtà. Almeno quella di poco tempo fa. Ultimamente, la teoria dell’Internet morto sta iniziando a sembrare meno cospirativa e più profetica, in parte.

La merda dell’IA danneggia gli inserzionisti dei social

Vediamo prima la parte cospirativa della teoria. Sebbene tutti gli stati e le multinazionali cerchino di controllare in una certa misura le narrazioni, è improbabile che qualcuno, o anche solo un gruppo di loro, si sia riunito e abbia detto: «Ehi, liberiamoci di tutti i contenuti online generati dall’uomo e sostituiamoli con contenuti creati artificialmente». Sarebbe un compito troppo arduo e richiederebbe che decine di migliaia – forse anche centinaia di migliaia – di persone tengano la bocca chiusa in modo che il pubblico non lo scopra mai.

Ma la prima parte della teoria – ovvero che i contenuti di Internet creati dall’uomo verranno sostituiti con contenuti generati artificialmente – non solo sembra possibile, ma inizia a sembrare plausibile. Questa idea ha avuto inizio negli anni 2010, quando i bot sono diventati sempre più diffusi sulle piattaforme di social media . Ma un bot della vecchia scuola non ha mai avuto la capacità tecnologica di generare immagini, video, siti Web e articoli di notizie completamente fabbricati. L’intelligenza artificiale lo fa.

Da quando ChatGPT è entrato in scena alla fine del 2022, le persone lo hanno utilizzato per generare contenuti per siti Web, post sui social media e articoli di ogni tipo. Le persone utilizzano anche strumenti di generazione di immagini basati sull’intelligenza artificiale per creare un flusso infinito di foto, video e opere d’arte, che ora abbondano sulle principali piattaforme di social media come Instagram, Facebook, Twitter, YouTube e TikTok.

Negli ultimi mesi, questa ondata di contenuti generati dall’intelligenza artificiale è diventata particolarmente grave su TikTok. A volte ogni secondo o terzo video che vedo nell’app è generato dall’intelligenza artificiale a tutti i livelli: dalla sceneggiatura alla narrazione alle immagini di accompagnamento. E amico, non farmi iniziare su Facebook, voglio dire, posso presentarti il ​​Gesù dei gamberetti ? 

Alcuni hanno iniziato a riferirsi a questo tipo di contenuti come merda AI. Ciò che è peggio di questa ondata di sterco generato dall’intelligenza artificiale che prende il sopravvento sui nostri feed di social media è che molte persone, soprattutto tra le generazioni più anziane, non sempre sembrano rendersi conto che le immagini o i frammenti di contenuto sono generati dall’intelligenza artificiale. Sulla base dei commenti pubblicati, molti sembrano credere che le immagini siano foto reali o opere d’arte create da esseri umani reali.

Sembra anche che molti degli account che pubblicano questa roba si sentano coinvolti da altri account, anch’essi controllati dall’intelligenza artificiale. Ciò è negativo non solo per gli utenti della piattaforma di social media ma anche per i suoi inserzionisti. 

Se la melma generata dall’intelligenza artificiale continua a proliferare sui social media, gli inserzionisti potrebbero benissimo finire per spendere i propri budget per inserire annunci accanto a contenuti generati dall’intelligenza artificiale che ottengono la maggior parte del coinvolgimento da altri account gestiti da quell’intelligenza artificiale. Non da esseri umani reali con soldi da spendere.

La maggior parte delle piattaforme di social media hanno generalmente odiato questo eccesso di ciarpame generato dall’intelligenza artificiale, comprendendo che è il tipo di contenuto di basso valore che gli utenti umani detestano. Eppure ora sembra che alcune di queste piattaforme stesse stiano cercando di scatenare ancora più melma di intelligenza artificiale su di noi.

Il caso Tik Tok

Come riportato da The Intercept, TikTok, uno dei più grandi repository di robaccia AI, sta esplorando la possibilità di rilasciare influencer virtuali per competere per accordi di brand contro i suoi influencer umani. Invece di un marchio che paga un influencer umano a cinque o sei zeri per vendere i suoi vestiti o le sue auto (una somma di cui TikTok non ottiene una fetta), la piattaforma vuole offrire ai marchi la possibilità di utilizzare i propri influencer basati sull’intelligenza artificiale.

The Intercept riporta che la funzione genererebbe uno script per un annuncio adv video basato su un messaggio inviato dall’inserzionista e da un influencer generato dall’intelligenza artificiale come protagonista del video. TikTok offrirebbe anche i suoi influencer AI ai commercianti del proprio Store in modo che possano utilizzare i personaggi digitali per pubblicizzare i loro prodotti.

A questo punto quindi non è solo TikTok a godere nell’occupare la sua piattaforma con più contenuti generati dall’intelligenza artificiale. Come riporta il New York Times, Instagram by Meta ha iniziato a testare un programma che consentirebbe ai suoi influencer più popolari di trasformarsi in chatbot basati sull’intelligenza artificiale in modo che possano interagire con gli utenti senza però dover  interagire con gli utenti stessi.

Novanta per cento entro il 2026

Pensavamo tutti che la teoria dell’Internet morto fosse una teoria assurda. I bot esistevano, ma era improbabile che i pacchetti di codice che gli stavano dietro potessero insinuarsi in ogni angolo di Internet, generando quasi tutto il suo contenuto.

Ma con l’intelligenza artificiale, ora è possibile che una cosa del genere accada, che l’intelligenza artificiale possa arrivare a generare la maggior parte dei contenuti che noi umani vediamo sul web. E tenetevi forte: un rapporto del 2022 dell’Europol ha reso noto che gli esperti ritengono che entro il 2026 il 90% dei contenuti online potrebbe essere generato sinteticamente.

Se così fosse, chi vuole continuare a interagire con altri esseri umani in carne e ossa e con le loro creazioni, per la prima volta dopo decenni, dovrà finalmente evitare Internet e tornare al mondo reale per ritrovare l’autenticità.

Leggi Anche:

Le donne, il lavoro e l’Intelligenza artificiale

Come può esserti utile l’Intelligenza artificiali? Ecco cinque segreti 

 

 

Leggi anche:

Exit mobile version