Social di San Valentino, sembra impossibile ma c’è ancora gente che si fa fregare

13 Febbraio 2024
553 Visualizzazioni

La piattaforma Cyber Guru pubblica una ricerca: il 52% degli intervistati non sarebbe in grado di distinguere il profilo di un influencer virtuale da uno reale, ed il 13% ha ammesso di aver scambiato foto e file musicali con completi sconosciuti

Cyber Guru, piattaforma di Security Awareness Training, ha voluto indagare oltre ai Romance Scam (le famose truffe romantiche) per comprendere se, in questa epoca in cui le persone sono ormai abituate a stringere relazioni e nuove amicizie online, anche con completi sconosciuti, non si stia rischiando troppo…

Romance Scam: perché i cybercriminali sanno pungere sul vivo

In una società in cui tutti desiderano piacere sul web, il Romance Scam può essere pericoloso tanto quanto un, apparentemente innocuo, Flirting Scam, ossia la possibilità che un cyber criminale finga di flirtare solo per avere la possibilità di installare un malware sul device, aziendale o personale, dell’inconsapevole vittima e riuscire così ad arrivare, ad esempio, a persone che ricoprono un ruolo strategico nell’organigramma di una compagnia. Con l’ausilio dell’AI e la complicità di una sempre maggiore disinvoltura digitale degli utenti, e perché no, di un pizzico di vanità, tutti possiamo potenzialmente diventare vittime, in fondo basta un semplice clic su una foto per scaricare un malware nei nostri dispositivi digitali.

Se ben utilizzato il digitale rafforza i rapporti personali, permettendo di accorciare le distanze e comunicare in maniera immediata con amici e famiglia, fare nuove amicizie e persino trovare un partner. Ad accelerare questa tendenza, senza dubbio, è stata la pandemia, che però ha reso tante persone fin troppo disinvolte negli scambi sulle piattaforme digitali. Dall’indagine di Cyber Guru è emerso che ad esempio il 13% degli intervistati ha dichiarato di aver scambiato qualche messaggio, delle foto o un brano musicale con una persona sconosciuta, proprio nella speranza di trovare l’anima gemella.

Incontri con gli sconosciuti

Quando si parla di nuovi incontri la curiosità e il desiderio di essere apprezzati sono fattori determinanti; infatti, il 48% degli utenti risponderebbe ad uno sconosciuto, ritenendosi al sicuro e comunque disposto ad interrompere il contatto, se si rivelasse inappropriato. Inoltre, bloccare subito una persona, qualora chiedesse informazioni riservate, non sarebbe la prima soluzione da adottare secondo il 41,5% delle persone che la ritengono una scelta un po’ troppo drastica.

Le piattaforme dove gli utenti hanno più frequentemente interagito con persone sconosciute sono Instagram, la app più utilizzata per questi scopi (50%), seguita a pari merito da Facebook, chat di Gruppo (Telegram o Whatsapp) e App di incontri (29%). Dalla ricerca emerge anche che una buona parte degli utenti (il 41%) crede nella possibilità di trovare un potenziale partner online.

Per evitare ogni pericolo, Cyber Guru suggerisce di non condividere informazioni riservate personali e aziendali con persone sconosciute o incontrate da poco, e soprattutto di essere molto cauti nell’aprire link o file inviati da questi per non rischiare malware e furto di dati; anche le foto non sono al sicuro perché a loro interno è possibile inserire codici malevoli. A questo si aggiunge l’intelligenza artificiale, capace di generare testi, immagini e addirittura profili social estremamente credibili, ne è la prova la nascita di molti influencer virtuali, che il 52% degli intervistati non sarebbe in grado di distinguere da quelli reali.

«Nel corso degli anni le piattaforme social e le app hanno ricoperto un ruolo sempre più importante nella vita delle persone. Il web di per sé offre davvero molte opportunità e come è emerso dalla nostra indagine il 68% degli intervistati se ne serve per socializzare o cercare un potenziale partner. È importante, tuttavia, essere più consapevoli dei rischi che si prospettano accedendo al mondo virtuale», dichiara Maurizio Zacchi, Academy Director di Cyber Guru.  «I criminali trovano soluzioni sempre più fantasiose, facendo leva proprio sulle vulnerabilità, anche emotive, degli utenti, come possono esserlo la vanità, il desiderio di piacere agli altri e la curiosità. Bisogna quindi rimanere vigili, prestando attenzione a non cadere vittime di false lusinghe e ad agire sempre con consapevolezza. Dalla nostra sicurezza dipende anche quella dei nostri familiari e della nostra azienda”.

Il sondaggio è stato condotto tra il 5 e il 9 febbraio 2024 presso un target di soli lavoratori.

 

Leggi anche

Sei in grado di riconoscere le mail di phishing?

Quest’epoca vi fa cacare? Ibernatevi, gente!

Come diventare famosi su TikTok. Basta usare la parola “ano”?

Exit mobile version