Il “Goemon” di oggi che spaventa anche i suoi connazionali su Twitter

20 Ottobre 2022
306 Visualizzazioni

Ormai anche tra i giapponesi i samurai sono una presenza immaginaria, personaggi fantastici di qualche cartone animato come il Goemon con la sua spada Zantetsu-ken. Ultimamente, invece, tutta la nazione si sta esaltando su Twitter per aver scoperto che anche oggigiorno un samurai c’è e, per di più, uno di livello. Vogliamo sapere anche noi il suo nome, vero? Ecco il maestro Suzuki.

Si tratta di un maestro giapponese di diverse arti marziali, Yuetsu SUZUKI. Cosa ci fa vedere? Spacca in due una pallina di baseball lanciata da una catapulta (moderna e automatica) alla velocità di 160 chilometri orari in un training center in Giappone.

A differenza di Goemon dal cartone animato giapponese Lupin III, il maestro Yuetsu, a mio parere, non è un discendente della famiglia del ladro leggendario Ishikawa. Ciò che conta di più è, però, che lui è un personaggio in carne e ossa, che ci permette quindi di vedere come si usa la spada giapponese direttamente su Twitter.

Sapete come si chiama la sua tecnica per utilizzare la Nihon-to? È l’IAI o IAI-Nuki che, appunto, accomuna il maestro Suzuki a Goemon. La peculiarità di questa tecnica insiste sull’uso “superimmediato” della spada.

T’è capì? Ah, Ok, mi spiego meglio. Mettiamo che lo abbiamo davanti, seduto, con la spada a terra accanto a lui. Sembra fermo, ma in un solo nanosecondo è in grado di attivare la modalità di combattimento con un’estrazione velocissima della spada e taaac, ti cade la testa. Tutto succede in un attimino. Ecco, questo è più o meno l’IAI, la tecnica che usa anche il Goemon.

Prima di concludere, notiamo che nel secondo video il maestro Suzuki dimostra d’essere in grado di tagliare un cetriolo subito dopo averlo gettato in aria, facendolo poi cadere a terra in due metà. Il titolo da lui dato al video recita appunto “Tagliare il cetriolo prima che cada per terra”.

Ah, dimenticavo di raccontarvi un aneddoto simpatico sul maestro Suzuki che ho trovato sul suo account di Twitter: gli piace cucinare primi piatti italiani, come gli spaghetti al peperoncino con foglie di Shiso o, a volte, con il basilico.

Vabbè si è fatta una certa. Allora, raga, è stato un piacere di rivedervi (anche se in realtà non ci siamo visti, ma chi se ne frega) e speriamo ci vediamo presto qui su TheMillennial!

Ciaone



Leggi anche: