Cecilia Blomdahl, tra orsi, balene e aurore boreali: chi è la tiktoker dell’Artico

Caterina Moretti 3 Luglio 2021
416 Visualizzazioni

Renne, orsi polari, bagni in acque gelide e avventure in motoslitta.

I video virali di Cecilia Blomdahl sono una finestra sul mondo incontaminato dei grandi ghiacci.

La vita di Cecilia è un punto di partenza per chi ha appena vissuto un anno in quarantena e in completa solitudine.

«Mi chiamo Cecilia e vivo alle Svalbard, un’isola vicino al Polo Nord», dice la tiktoker con l’aria esperta di qualcuno che ha trascorso molto tempo a lavorare nel settore dell’ospitalità. Eppure Cecilia vive isolata da diversi anni.

Per tutti i suoi follower che hanno appena trascorso svariati mesi in isolamento, Blomdahl offre non solo una via di fuga in un mondo non colpito dal covid-19, ma anche un rilassante antidoto alla vita continentale e al nevrotico doomscrolling a cui tutti siamo soggetti almeno una volta al giorno.

I video di Cecilia hanno un appagante senso di familiarità e calore casalingo, pur essendo girati a -40° sotto zero. Scivoliamo virtualmente nel suo stile di vita, ci lasciamo catturare dai panorami suggestivi e dalla quotidianità di una ragazza che ha sfruttato al meglio il tempo nell’ambiente isolato in cui vive: non è del tutto diverso dalla solitudine sociale che abbiamo provato noi quando eravamo immersi nella pandemia.

Qualcosa su Cecilia Blomdahl

Originaria della Svezia, Blomdahl ha trascorso parte dell’infanzia in Irlanda. Si trasferisce alle Isole Svalbard nel 2015 con l’allora fidanzato e, quando la relazione diventa più gelida della terra in cui abitavano, rimane sola a trovare l’equilibrio fra lavoro, vita privata, comunità autoctona e senso di avventura che le isole offrivano.

Si appassiona prima alla fotografia, poi ai video con i droni. «La mia vita era come un videogioco a cielo aperto. Catturavo l’aurora boreale e poi la riprendevo con il mio drone, era ipnotizzante guardare la veduta aerea dell’isola». Sebbene il profilo IG di Cecilia Blomdahl  fosse attivo da anni, la sua popolarità esplode lo scorso autunno con TikTok.

Il segreto del successo di Cecilia Blomdahl

Da allora, Cecilia conquista l’attenzione degli spettatori con il tour della tundra, l’avvistamento delle balene, i tuffi nell’acqua ghiacciata e una popolazione di orsi polari che supera in numero gli abitanti umani delle Svalbard. Ma Cecilia non è solo avventure estreme e luoghi ameni.

Il suo successo lo deve soprattutto alla dinamicità con cui affronta argomenti diventati quasi quotidiani per noi. Depressione, isolamento, ansia sociale, paura di tornare alla normalità. La curiosità dei follower sulla sua vita quotidiana le lascia intendere che il pubblico sente un gran bisogno di sapere come affrontare una solitudine così estrema.

Molti dei suoi seguaci più che essere interessati alle aurore boreali e le gite in slitta con i cani, vogliono sapere se Cecilia va al cinema, se conosce Amazon Prime, se ha difficoltà a trovare gli assorbenti.

Cecilia dietro le quinte e la sua felicità

Per ovviare a questa enorme fetta di curiosi Cecilia si riprende anche durante le attività più “normali”. Ci accompagna al supermercato locale, ci spiega i prezzi esorbitanti della frutta (8 euro un avocado) e ci mostra anche il camion-taco dove afferrare uno spuntino fra una gita in slitta e l’altra. È la genuinità con cui Cecilia ci fa vedere la sua vita quotidiana che realmente le regala successo e fama.

Vivere al circolo polare artico permette di concentrarsi su cose che normalmente non passerebbero neanche per l’anticamera del cervello. Imparare a fare un focus su ciò che la stagione estrema ha da offrire significa mettere una lente d’ingrandimento sulle piccole cose che danno felicità. Con Cecilia anche una tazza di caffè davanti al caminetto diventa un piacere senza precedenti, così come il silenzio appena ci si sveglia, o la luce offuscata di una candela vicino al comodino.

 

Leggi anche: