Rutger Bregman a Davos: un ottantottino le suona ai miliardari arrivati in jet privé

Avatar
3 Febbraio 2019
491 Visualizzazioni

Chi è Rutger Bregman: l’eurosavonarola che propone il reddito di cittadinanza estremo (e 15 ore lavorative a settimana). E che ha sbroccato davanti ai ricchi di Davos

Il 25 gennaio al World Economic Forum di Davos, lo storico olandese Rutger Bregman, classe 1988, l’ha sparata grossa: «È la prima volta che vengo a Davos e la trovo un’esperienza incredibile, a essere onesto. Cioè, 1.500 aerei privati hanno volato fino a qui per un discorso di David Attenborough su come stiamo distruggendo il pianeta».

Una bomba, così l’hanno letta i media tradizionali: «Qui le persone parlano di partecipazione, giustizia, uguaglianza e trasparenza, ma nessuno solleva l’argomento dell’evasione fiscale, giusto?».

«E del fatto che i ricchi non pagano la loro parte, quella che è giusto che paghino. Mi sento come a una conferenza di pompieri in cui non è permesso parlare dell’acqua».

L’annuale incontro organizzato dal World Economic Forum è un meeting post natalizio di leader mondiali, grandi società e organizzazioni economiche varie. È un po’ il Festival internazionale del Lavaggio di Coscienza.

Insieme con la cartellina e il blocco notes a questi ricconi potrebbero dare il cilicio per autoflagellarsi quanto basta per cominciare l’anno con le buone intenzioni più fake del mondo.

Chi è Rutger Bregman? Un millennial secchione che ha studiato storia degli stati a Utrecht, un autore history pop che ha scritto un best seller dal titolo Utopia per realisti (pubblicato in Italia dalla radicalscicchissima Feltrinelli, ovviamente). Dove tra reddito di base e frontiere aperte sembra voler fondere liberalismo, socialismo e cristianesimo e progressismo post internettiano.

Con queste posizioni, Rutger Bregman si sta avviando a diventare presso i più giovani quello che la canadese Naomi Klein fu per la Generazione X con il libro No Logo.

Osannato da Washington PostGuardian e BBC, è stato descritto dal Guardian come il genio olandese dell’innovazione. Al Ted talks, poi, ormai lo accolgono come Lady Gaga.

A Davos Rutger Bregman ha detto a un certo punto: «Possiamo parlare a lungo di queste stupide strategie filantropiche, possiamo invitare Bono per l’ennesima volta, ma dobbiamo parlare di tasse. Tutto qui: tasse, tasse, tasse. Tutto il resto sono stronzate. Secondo me».

Sta di fatto che di fronte ai potenti della finanza, a quelli che ci hanno rovinato la vita con la speculazione e la globalizzazione ha detto che è meglio che la smettano di fare i filantropi. Che devono mettersi  a pagare le tasse ai loro stati. Chiunque sia, chi sarà e chi è Rutger Bregman, non ci frega: siamo con lui e basta.

 

LEGGI ANCHE:

Qual è alla fine la differenza tra Genzers e Millennial?

Ma perché i millennial non si riproducono più?

La guerra delle startup per cambiare il mondo

Startup o multinazionale?

Aziende di buoni pasto che ci studiano per capire se possono pagarci con i buoni pasto

Expat: dove andare per guadagnare di più

Perché lavorare 4 ore al giorno è più che sufficiente