Trevor Rainbolt, Alok e Souvlaki Zeitgeist: fare il GeoGuessr e diventare superstar

11 Ottobre 2023
606 Visualizzazioni

Sempre detto che la geografia è importante. Ma camparci è un’altra storia. Beh, non proprio, a essere precisi

Breve premessa per i boomer senza figli o troppo distratti: GeoGuessr è un gioco emerso durante la pandemia con lo scopo di fare viaggiare le persone dal divano. Triste e falso come quando ti dicono che un libro fa viaggiare con la mente, tipica retorica recensionistica, no?

Eppure i Genzer e gli Alpha (stimolati dal diavolo in persona cioè da Google Street View) l’hanno trasformato in un must. Il gioco è semplice: l’algoritmo mostra una foto di un qualsiasi angolo di mondo e tu, analizzando i dettagli (targhe, cartelli, monumenti) devi indovinare dove sei, sbagliando il meno possibile i km di distanza.

Come gli youtuber, gli influencer, i tiktoker e gli e-sportivi professionisti anche GeoGuessr ha le sue star, tra le quali spicca Trevor Rainbolt un americano che fino all’autunno del 2022 era uscito dagli Stati Uniti una sola volta. Nato nel 1998 è partito come tiktoker di successo, al punto da consentirsi di mollare al primo anno l’Università del Colorado e diventare strategist in quel di Los Angeles.

Naturalmente, stando all’età, parliamo di ieri, perché tutto è cominciato nel 2020 con il famoso giochino e tante dirette social a tema geografico. Pare che Trevor arrivasse a giocare anche 12 ore al giorno e che Street View fosse oggetto dei suoi sogni notturni.

I suoi numeri, tanto per farsi un’idea:

Youtube: ha due canali, Rainbolt con 420k iscritti e Rainbolt2 con 833k. E circa 400 milioni di visualizzazioni. Su Tik Tok (@georainbolt) in soli tre anni ha acchiappato, 2,6 milioni di fan e 77 milioni di like. Evabbé

In questi anni, momento d’oro degli e-sport Rainbolt è stato beneficiato da ricche sponsorizzazioni e da imprese marchiate RedBull. Tanto che a un certo punto ha deciso di togliersi la soddisfazione di fare un giro del mondo senza limiti.

Ma nel frattempo GeoGuesser è diventato oggetto di tour mondiali e Campionati. L’ultimo, qualche giorno fa:

Signori, ecco 50mila dollari e un bel gruppetto di geofanatici. Tra i quali i campioni di un futuro molto prossimo in grado di scalzare Trevor Rainbolt, giacché la fama digitale, com’è noto dura davvero poco.

Il round finale delle qualificazioni alla Coppa del Mondo è stato venato da grande tensione per i fan del gioco: alla fine tutto si riduceva a due giocatori e un’immagine, una stretta strada asfaltata fiancheggiata da due banchi di neve in pendenza, da cui spuntava solo un accenno di arbusti. Poteva essere ovunque.

Per rendere le cose ancora più difficili, il round è stato in NMPZ (nessun movimento, panoramica o zoom) il che ha richiesto ai concorrenti di indovinare la propria posizione semplicemente guardando l’immagine.

Ed ecco l’outsider Alok: ha indovinato il punto in pochi secondi, un’area remota in Turchia, avanzando così alla Coppa del Mondo GeoGuessr da $ 50.000 di questo fine settimana. Il suo avversario, Souvlaki Zeitgeist, aveva lasciato cadere il pin da qualche parte in Nuova Zelanda.

LEGGI ANCHE:

Pro-gamer, un lavoro ben pagato

Guardare sport è sciocco. Praticarlo è santo. Parola di Gheddafi

Gli esports supereranno il calcio? Sembra solo essere una questione di tempo

Taglialegna, lo sport del futuro, commentato da Martina Panagia, conduttrice Mediaset. L’intervista

Covid19. C’era una volta la ola: Il calcio diventerà uno sport virtuale?

 

Exit mobile version