fbpx

Fosco17 sussurra il suo “Dicembre” in “Dodici mesi”

Avatar
1 Dicembre 2020
176 Visualizzazioni

Il pomeriggio sta per lasciare spazio alla sera, il cielo grigio sa già di un inverno che sta per arrivare. Le loro mani si incontrano al centro del tavolino del bar, le sue sono fredde, però i suoi occhi emanano luce e calore…

Delicato, introspettivo e carico di immagini coloratissime. “Dicembre” fa parte di “Dodici mesi”, album di Fosco17 che racconta tante storie rappresentative della quotidianità di ognuno di noi.

Un lavoro delicatissimo, quasi sussurrato con le parole al centro di tutto con un corollario musicale assolutamente di livello. Un bel bit rotondo rappresenta il motore ritmico del pezzo che viene rafforzato con un giro di basso morbidissimo e suonato al servizio del pezzo.

Tappeti sintetici uniti ad un giro di pianoforte martellato, rappresentano un sottofondo coloratissimo che illumina tutto il mood mentre, quasi in punta di piedi, una ritmica di chitarra acustica, panpottata benissimo sul left e sul right, apre il suono donando una bellissima tridimensionalità all’atmosfera.

Molto bella anche la linea di cantato che vede Fosco raccontare, con il suo testo, uno spaccato di vita molto coinvolgente attraverso un bel timbro profondo che colpisce al cuore chi ascolta. Da sorbire in cuffia in pieno relax!

La storia di Dodici mesi e Dicembre

Dodici mesi è l’album di debut del giovane cantautore bolognese Fosco17, pubblicato da Virgin Records/Trident Music, dopo la release di un primo EP, Prima Stagione, e della partecipazione a Sanremo Giovani 2018 con Dicembre.

È un disco che racconta in dodici atti una storia qualunque; dodici capitoli di un romanzo dal finale aperto, un’unica trama fatta di momenti diversi. Una raccolta di canzoni diverse che seguono una storia, che hanno movimento, che fanno parte della trasformazione di un bambino a cui piace vedere il mondo fatto di colori pastello, senza disordine, pulito, netto e immacolato.

“Dodici Mesi – ha detto Fosco17 – è un disco che parla in prima persona delle storie di tutti, delle cose degli altri, parla di sé parlando per tutti. Dodici Mesi è un tempo, in cui c’è modo di crescere, di far passare gli anni, di diventare grandi o vecchi. Non ha uno spazio né un luogo, ha solo delle voci diverse che gli danno aria. Un film a puntate, una serie di quattro stagioni, un anno di dodici mesi.”

Fosco17 è capace di fuggire dallo stereotipo della canzone pop italiana, grazie a un songwriting elegante che incontra l’urban pop, ma i suoi brani restano comunque impressi per semplicità e leggerezza.

L’artista è l’anti-stereotipo, che vive nei luoghi comuni, l’anti-stravagante che canta storie originali, è l’anti-eccentrico che risulta insolito. Fosco17 è anti pop e commerciale; più semplicemente è Pop-Sintetico.

Leggi la storia di Fosco17

Leggi anche: