American Gods: una figata incomprensibile

20 giugno 2017
5 Condivisioni 648 Visualizzazioni

Finalmente! divano, Smart TV e… Amazon Prime Video. Sì, perché dopo una settimana che navighi su Facebook in ufficio e ogni 3 x 2 compare un trailer di una serie, psichedelico e incomprensibile, sponsorizzato da Amazon, inizi a farti un paio di domande.

L’episodio pilota inizia esattamente come se stesse iniziando un episodio in una serie già conosciuta, cioè con una “banalissima” soundtrack e i titoli di testa, dove si possono notare nomi degni di nota come Ian McShane (un palmares troppo lungo per essere elencato, guardate su Wiki (link alla pagina)), tra gli ideatori Brian Fuller (avete presente Hannibal (link alla pagina della serie su imdb)?) e, per finire, Neil Gaiman (lo scrittore di Stardust (link alla pagina del film su IMDb)), a cui è stata “sottratta” questa novella.

L’episodio inizia con uno sbarco di (apparenti) vichinghi in una (apparente) costa americana, ma subito respinti da una selva di frecce comparse dal nulla; fino qui nulla di strano se non che la trama è completamente scollegata, o quasi.

Il protagonista di questa storia è Shadow Moon (un nome, un programma), un ladro che viene scarcerato, per cause ignote, con 3 giorni di anticipo dopo aver trascorso 3 anni di condanna. Shadow comunica la libertà alla moglie ma fatalità vuole che questa faccia un incidente e ci lasci le penne.

Durante il viaggio di ritorno a casa, lo sventurato ladro conosce il misterioso Mr. Wednesday (il nostro Ian McShane), che, dopo aver elencato dettagli sulla storia del protagonista, decide di offrirgli un lavoro come suo bodyguard.

Da qui in poi inizia a calare un velo di mistero su tutta la trama senza effettivamente trapelare un gran senso fino al quarto/quinto episodio, forse proprio quel velo che dona quel fascino a questa serie.

Brian Fuller, insieme a Starz, crea una serie che unisce Hannibal (la serie), a Spartacus e Natural Born Killers; mixando una trama mitologica a trip mentali e un’ eccessiva (forse sprecata) “polpa di pomodoro”.

CHE INCIUCIO!!

Perché dovresti guardarla?

  • La colonna sonora e la parte psicologica ricorda assolutamente Hannibal (la serie)
  • Una trama ben intrigata che ti tiene incollato allo schermo
  • Ami quella mitologia un po’ rivisitata… un po’ alla Percy Jackson ma più adulto

Magari evitala se:

  • Odi lo splatter, gli enormi schizzi di sangue o lo spreco di salsa di pomodoro
  • Hai un po’ sonno e i momenti di calma ti fanno calare la palpebra
  • Non sopporti le trame intrigate e non riesci ad aspettare qualche episodio per capire effettivamente di che si tratta

Dove la guardi?

Amazon Prime Video

Quanto tempo mi “mangia”?

Da 50 a 60 brutali minuti a episodio

Potrebbe interessarti

Sono Giapponese! Lesson 50? Come affrontare le riunioni di lavoro? Ce lo insegna il Giappone!
Appuntamenti
21 visualizzazioni
Appuntamenti
21 visualizzazioni

Sono Giapponese! Lesson 50? Come affrontare le riunioni di lavoro? Ce lo insegna il Giappone!

Kentaro Hara - 21 ottobre 2018

Come affrontare le riunioni di lavoro in Giappone? Cerca di non essere considerato presuntuoso, altrimenti devi accettare l’ordine silenzioso dei…

Scarpe V design: lusso intelligente per Millennial dal cucchiaio di legno
Moda
7 condivisioni94 visualizzazioni
Moda
7 condivisioni94 visualizzazioni

Scarpe V design: lusso intelligente per Millennial dal cucchiaio di legno

Consuelo Crespi - 20 ottobre 2018

Le scarpe V design sono un connubio di lusso e minimalismo, e un ritorno all’artigianalità italiana. Per Millennial che, al…

Something in the Way testo: i Nirvana ci hanno rovinato l’adolescenza  
Cultura
3 condivisioni70 visualizzazioni
Cultura
3 condivisioni70 visualizzazioni

Something in the Way testo: i Nirvana ci hanno rovinato l’adolescenza  

Consuelo Crespi - 19 ottobre 2018

Questa mattina mi sono svegliata e, scrollando le varie pagine social, una notizia spaventosa mi è capitata davanti agli occhi. “NIRVANA REUNITED”, con l’immagine…