MeToo nuovo capitolo? Diet Prada diffonde le accuse a due fotografi della moda di molestie

Avatar
24 Luglio 2019
897 Visualizzazioni

Sembra che nelle ultime 48 ore la grande macchina dell’industria fashion, intesa in senso ampio, abbia subito un grave colpo. Si tratta di un’insurrezione social sulla falsariga del #MeToo.

Questa volta tutto prende piede dalle stories di denuncia di Haley Bowman – no, non l’attuale signora Bieber, anche se i nomi si assomigliano – giovane art director e production designer.

Bowman riporta un’esperienza traumatica vissuta a 19 anni, quando sarebbe stata approcciata e molestata – verbalmente, fisicamente e tramite scatto e diffusione di sue foto senza consenso – da Timur Emek, fotografo di Victoria’s Secret e di celebrities quali Kim Kardashian ad Adriana Grande.

Che cos’è Diet Prada?

Internet è una rete senza confini e sui social le notizie viaggiano ad una velocità pazzesca, e la notizia trova subito un mezzo di diffusione. Si tratta di @Diet_Prada, account da 1.4 milioni di follower che porta alla luce le “affinità” – notevoli, cospicue, sostanziali, palesi – tra le collezioni di diverse case di alta moda.

Occhi attenti, lingue taglienti e, senza alcun dubbio, una grande conoscenza della storia della moda: il duo misterioso dietro l’account già in passato non si è trattenuto dall’esporsi in merito a questioni di attualità, come lo scandalo Dolce&Gabbana di poco tempo fa.

Lo scandalo Emerk

Il vaso di Pandora è stato aperto e da qui non si torna più indietro: arrivano in direct le risposte di ragazze – blogger, modelle, aspiranti modelle – che raccontano la loro versione sulle esperienze con Emek e Diet Prada le riposta tutte, mantenendo lì dove richiesto l’anonimato per evitare conseguenze.

Sì, perché tra i tanti messaggi ci sono anche le testimonianze di chi ha provato in passato a parlare, per poi ricevere minacce dal diretto interessato o essere zittita dalla propria agenzia (almeno questa è la loro versione). In poche ore non è accusato soltanto Timur Emek, ma viene a galla il nome di un altro fotografo, con un’interminabile scia di racconti al suo seguito: Marcus Hyde.

Un nuovo #metoo?

Il buzz intorno alla notizia è incredibile e anche diverse personalità di spicco nel settore, compresa la stessa Kim Kardashian, esprimono la loro solidarietà. I due presunti “Predator” – così sono segnalati nelle storie in evidenza di Diet Prada – hanno reso privati i loro account. Al di là del fatto che le accuse vengano o non vegano confermate in sede legale, il vero auspicio è che questo segnale riesca a spaventare i predatori nascosti e che il polverone alzato ponga finalmente le basi per un cambiamento che sia serio e definitivo.

Perché da secoli si insegna ai bambini che esistono vari tipi di violenza: è violenza tirarsi i capelli tra fratelli, è violenza dire brutte parole al compagno di banco, è violenza quella degli assassini e dei terroristi cattivi in tv, è violenza persino pestare la cosa al gatto. Ma quanti di voi si sono sentiti dire che il sesso è una cosa bella, bellissima, da vivere come si vuole e con chi si vuole, purché siano entrambi a volerlo spontaneamente, altrimenti è violenza?

LEGGI ANCHE:

Come funziona FaceApp? Ci fa credere che la vecchiaia sia un gioco

Chi è Belle Delphine? Un genio, che vende vasetti con l’acqua dei suoi bagni

Tendenze politiche Millennial: progressisti o reazionari? Preferiamo un centrismo pragmatico