fbpx

Wargames, dalla teoria alla pratica: il governo ucraino vuole che le piattaforme di gaming chiudano ai russi. Ha senso?

3 Marzo 2022
1108 Visualizzazioni

L’umiliazione del nemico è uno strumento legittimo? Pro player e atleti paralimpici nel mirino per far ribellare i giovani russi

Mykhailo Fedorov, vice primo ministro e ministro della trasformazione digitale dell’Ucraina, ha lanciato un appello affinché tutte le società che sviluppano giochi blocchino tutti gli account russi e bielorussi.

Fedorov ha inoltre invitato le piattaforme di eSport a estromettere le squadre e i giocatori russi e bielorussi dagli eventi di eSport internazionali.

Tra le sanzioni è prevista l’umiliazione del popolo e dei ragazzi nella speranza che queste mosse «motiveranno i cittadini russi a fermare in modo la vergognosa aggressione militare» da parte del governo di Putin.

«Nel 2022, la tecnologia moderna è forse la migliore risposta ai carri armati, ai razzi e ai missili»

Questione controversa: ora i russi scenderanno in piazza contro Putin perché non possono accettare che qualcuno gli stacchi la spina di Fortnite? Non è invece che punendo la quotidianità e l’evasione da un mondo di bombe delle persone normali poi li facciamo incazzare?

Sembriamo un po’ tralasciare che in Occidente il senso di appartenenza a una nazione è sbiadito, ma all’Est, come stiamo vedendo, non è così.

Un gamer, un proplayer non sono oligarchi, sono persone normali. I professionisti dell’eSport fanno sacrifici, anche se non sembra. Lavorano, si allenano. E così gli atleti paralimpici russi, anche loro estromessi da tutto. 

Scientemente Fedorov parla agli account: di Twitter di Xbox e PlayStation, e scrive: «Se sostieni i valori umani, esci dal mercato russo» In un follow-up , Fedorov chiede a Riot Games, EA, Ubisoft, Gameloft e Wargaming di «chiudere le sedi in Russia. Non c’è posto per gli aggressori sulla mappa tecnologica globale!».

Tuttavia Sony, Microsoft, Nintendo e Valve non hanno avuto reazioni immediate. Per ora.

Fedorov incassa però la condanna dell’International Game Developers Association, che definisce l’invasione dell’Ucraina una grave violazione del diritto internazionale.

L’industria dei giochi è tra l’altro florida anche in Ucraina: secondo un rapporto dell’IGDA sullo stato dell’industria dei giochi ucraina (gennaio 2022), nel Paese ci sono oltre 400 società di giochi che contano 30mila dipendenti.

Leggi anche

C’è la guerra anche nel Metaverso?

J-Ax e la guerra in Ucraina