Trasferirsi per amore: voglio raggiungere la mia metà, ma cosa dovrei aspettarmi?

11 Marzo 2023
870 Visualizzazioni

Social e tecnologie accorciano le distanze e il rischio di trovare anima gemella al di là dei confini del nostro paese non è da sottovalutare. Le relazioni a distanza sono cosa da pochi, quindi rimane una sola scelta da fare. Trasferirsi per amore: sì oppure no?

Decine di migliaia di chilometri potrebbero separare ognuno di noi dalla propria metà della mela. Una volta scoperta l’esistenza del soulmate ben al di fuori del raggio di strada percorribile con il nostro pandino scassato, non rimane che chiedersi se valga la pena di trasferirsi all’estero per ricongiungersi al proprio partner.

Una scelta sicuramente impetuosa e romantica, che nasconde però preoccupazioni, cambiamenti, sacrifici e ansie. Per uno stravolgimento di vita così importante è necessario mettere tutte le casistiche sul piatto della bilancia e arrivare preparati al momento cruciale.

Tutte ciò che devi chiederti se pensi di trasferirti all’estero per amore

Da giovani appassionati e passionali in un momento di euforia rischiamo di prendere decisioni avventate senza riflettere su quale sia il nostro reale stato mentale. Potremmo incappare nell’errore di ragionare basandoci sulle nostre emozioni momentanee, senza però riflettere ampliando la visione sul lungo periodo.

Ecco tre punti fondamentali da snocciolare attentamente prima di comprare un biglietto di sola andata per il Canada:

  1. Se non ti sei mai sentito/a mentalmente pronto/a per un grande cambiamento, non convincerti ingenuamente di poterlo fare tutto d’un botto solo perché ti “aggrappi” alla presenza del/la tuo/a amato/a. Rifletti per un momento su come ti sentiresti se dovessi trasferirti in solitaria: come affronteresti il cambiamento? Quali sarebbero le tue necessità per vivere serenamente in un nuovo contesto? Certo, il partner sarà un appoggio fondamentale, ma non mancheranno sicuramente i momenti di solitudine e dovrai essere pronto/a ad affrontarli al meglio.
  2. “Take your time” e non avere fretta di concludere. Trasferirsi all’estero è una grande decisione e l’organizzazione è un elemento fondamentale. Se è vero amore aspetterà e sarà felice di accoglierti nella condizione più sicura e agevole possibile. Ricerca di una sistemazione comoda, planning delle tempistiche, invio di CV e quant’altro… tutto, o quasi, dovrà essere ben delineato, in modo da partire senza ansie e insicurezze.
  3. Fai alcuni viaggi nella città che diventerà la tua futura casa, vai in esplorazione e scopri se il posto può essere adatto a te. In questo modo avrai la possibilità di adattarti al contesto nuovo senza forzature e, nel caso in cui non ti sentissi a tuo agio, saprai di poter tornare indietro senza grosse conseguenze.

Il cambiamento è sempre un buon modo per arricchirsi e sperimentare: qualsiasi occasione per conoscere nuovi contesti è da cogliere al volo. Ricordiamo, però, che l’amore a volte stordisce e che in tutto va messa la fantomatica “testa”.

In sostanza, prenditi il tuo tempo, rifletti, organizza, sperimenta un po’… poi fai le valigie e raggiungi la tua metà.

Leggi anche:

Exit mobile version