Paolo Villaggio visto dai millennial: Fantozzi morto è una cagata pazzesca

4 luglio 2017
4 Condivisioni 819 Visualizzazioni

“Capovaro posso andare?”

Paolo Villaggio è morto all’età di 84 anni, dopo una carriera cinematografica che ha innalzato Fantozzi a icona della schiavitù occupazionale. Film comici, qualcuno talmente comico da essere drammatico. Perché noi millennial che abbiamo seguito solo una parte della sua produzione, non dovremmo piangerlo?

Perché lui è quello che ci ha fatto ridere sempre in qualsiasi occasione, anche dopo 40 anni dall’uscita dei suoi film si continua a ridere, anche quando li hai messi in play miliardi di volte; e a questo punto sono dell’idea che piangere per una persona che ha fatto di tutto nella sua vita per farci ridere sia un disonore verso la vittima.

Ugo Fantozzi era la comicità con una dose massiccia di critica sociale: l’impiegato schiavo, le multinazionali con un miliardo di posizioni gerarchiche, l’agognata pensione; questa era la comicità vera.

Riassumiamo il core, anche se spero che non abbiate mai fatto l’errore di non aver mai visto uno dei 10 film della serie.

Fantozzi ragionier Ugo, matricola 1001/bis, è un impiegato nella Italpetrolcemetermotessilfarmometalchimica ed è un personaggio sfigato che lavora miliardi di ore per mantenere la sua famiglia composta da una moglie che fa di tutto per amore del marito e una figlia, scimmiesca, o meglio, “babbuina”. I film sono suddivisi in “scenette” che raccontano le disavventure, bizzarre e comiche, del ragioniere facendo ridere già all’inizio lo spettatore, ma che via via arrivando verso il finale diventa sempre più drammatico facendo riflettere sulla vita.

Ora la vostra serata ideale potrebbe essere “mutandoni, canottiera, insalatone, birra ghiacciata e rutto libero” davanti a un film di Fantozzi, oppure chiamare un paio di amici e guardarlo mentre si sorseggiano “Tre scotches!

Ciao Paolo!

Perché dovresti guardarlo?

  • Sei triste, guarda Fantozzi che ti passa.
  • Sei felice, guarda Fantozzi che lo sarai ancora di più.
  • È meglio di qualsiasi libro di sociologia e antropologia.

Meglio evitarlo se:

  • Preferisci l’umorismo inglese o americano. (io Fantozzi non lo sostituirei minimamente con Una notte da leoni o un film di Woody Allen)
  • Non ti piace il cinema italiano
  • È troppo vecchio ormai e non sopporti che non ci siano effetti speciali.

Dove lo puoi guardare?

Tim Vision o Infinity TV.

Quanto tempo ti mangia?

2 orette a film.

LEGGI ANCHE:

Biopic o biofiction che ricordano Gianni Versace a 20 anni dalla morte

Potrebbe interessarti

Ripercorriamo l’anno tramite i principali trend Instagram 2018: perché tutti questi cuoricini?!
Internet
36 visualizzazioni
Internet
36 visualizzazioni

Ripercorriamo l’anno tramite i principali trend Instagram 2018: perché tutti questi cuoricini?!

Anna Giulia Bevilacqua - 14 dicembre 2018

Il 2018 volge al termine ed è arrivato il momento di tirare le somme. Ma, se per la vostra vita…

Difendere Sfera Ebbasta: lo fanno i giornali dei vecchi ed è pubblicità occulta
News
2 condivisioni30 visualizzazioni
News
2 condivisioni30 visualizzazioni

Difendere Sfera Ebbasta: lo fanno i giornali dei vecchi ed è pubblicità occulta

The Millennialist - 13 dicembre 2018

Il cantante di Cinisello è colpevole o innocente nel caso della tragedia di Corinaldo? All'indomani della tragedia di Corinaldo, mancava…

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte
Arte
11 condivisioni52 visualizzazioni
Arte
11 condivisioni52 visualizzazioni

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte

Valeria Mangano - 13 dicembre 2018

Se dico Il nome della Rosa probabilmente pensate prima a Sean Connery e solo dopo a Umberto Eco. Questo perché…