Hotel Lisca Bianca

Condividi anche su:
Quando vedrete Stromboli fumante di fronte a voi, avrete la scusa per accendervi la vostra sigaretta. Lì, in terrazza, il sole è caldo, fate colazione e contate le ore di sonno arretrato. Che crescono, ovvio, ma in modo proporzionale a quelle trascorse sui salotti del bar Banacalii per l'aperitivo (con musica a tutto volume) o per il cocktail della notte in qualche privè. Accade quando il cous cous di pesce degustato al ristorante dell'attico tra le lanterne diventa un ricordo lontano, il bagno fatto in una delle rare spiagge di sabbia delle Eolie (cala Zimmari) si perderà nella memoria. Perché le ragazze arrivate in barca per le feste sull'isola avviano momenti impegnativi e qui si è quasi tutti single in estate. Ma non lamentatevi che domani Stromboli sembrerà arzillo, e voi sonnambuli persi tra il bianco e il celeste dell'isola.

Potrebbe interessarti

La Milano Fashion week settembre 2018 ha riaperto la piaga delle calze femminili
Moda
1 condivisioni53 visualizzazioni
Moda
1 condivisioni53 visualizzazioni

La Milano Fashion week settembre 2018 ha riaperto la piaga delle calze femminili

Anna Giulia Bevilacqua - 24 settembre 2018

Nel best of della Milano Fashion Week settembre 2018 rientrano di certo i collant della collezione Moschino realizzata da Jeremy…

Festival della Statistica: i millennial non si riproducono. Rischio estinzione
Famiglia
40 visualizzazioni
Famiglia
40 visualizzazioni

Festival della Statistica: i millennial non si riproducono. Rischio estinzione

The Millennialist - 24 settembre 2018

Andate, andate nei bordelli delle bambole di silicone: fra 100 anni in Italia ci saranno solo 16 milioni di abitanti…

Morire di Selfie: la storia del fotografo che decomponeva la gente
News
2 condivisioni149 visualizzazioni
News
2 condivisioni149 visualizzazioni

Morire di Selfie: la storia del fotografo che decomponeva la gente

Mordeicani Richler - 23 settembre 2018

Morire di selfie. Racconto su un fotografo che si è suicidato per immolarsi alla suprema arte dei Millennial. Giorgio era…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato

9 + 18 =