fbpx

Nuova era musicale per Elodie: testo e significato di “A fari spenti”

27 Settembre 2023
1377 Visualizzazioni

A fari spenti è il nuovo brano di Elodie. Pubblicato ufficialmente il 22 settembre 2023, il pezzo sancisce l’inizio di una nuova era della cantante romana. Vera trasformista di se stessa, Elodie ha scelto di rinascere e ha scelto di farlo a settembre.

Prodotto da Marz e Zef e scritto in collaborazione con Elisa, A fari spenti di Elodie ha fatto discutere ancora prima di uscire. Si è parlato delle varie anteprime fotografiche pubblicate dalla cantante ed è nata la polemica per la “troppa nudità”, ma che cosa ci vuole raccontare la canzone?

Il significato di A fari spenti: il passato alle spalle e l’inizio di una nuova vita

Il video di A fari spenti (diretto dai Morelli Brothers), così come il suo testo, parlano di un passato concluso e di una corsa verso il futuro. Elodie è pronta a prendere in mano la sua vita e ad abbracciare ciò che verrà, ma si chiede anche che cosa settembre le abbia lasciato. Se ripensa ai mesi passati intravede la passione di un rapporto, le labbra, le mani, quel intenso «mistero di cercarsi».

L’immagine di Elodie muta come sta mutando la sua musica. La luce dei suoi occhi è nuova e la sua rinascita riparte dall’acqua che la avvolge. È una nuova lei, una nuova fiamma pronta ad accendersi nonostante i fari spenti di un viaggio che ricorda molto bene: Elodie si sposta e rincorre qualcosa che deve ancora arrivare, o che forse sta già toccando con mano.

Sdoppiata e nuova, la cantante ci illumina e ci dice che questo settembre lascia promesse appese, cambia l’umore, ricorda i riflessi sul mare, ma questo settembre è il tempo di riemergere: l’acqua che l’ha avvolta profuma di nuova vita.

Testo canzone

Il cuore si muove
Non cerca ragione
La mente s’illude
E cambia le cose

Settembre e sono più dolci le onde
La luce riflessa sul mare
Settembre ti cambia l’umore
E sento ancora addosso le tue ma-

E sento ancora addosso le tue mani
Ti vedo mentre guidi a fari spenti
Vite fragili come origami
Ed era tutto lì in quei pochi istanti
Il mistero di cercarsi

Non sono una delle
Tue donne deluse
Settembre nessuno ti serba rancore

Nella stanza un beat che rimbalza
Il sex appeal si mastica
Roulette russa, pelle che scotta
L’aria si fa elettrica
Occhi chiusi, tutto che gira
La tua bocca luccica
Luce brilla nella pupilla
Il tuo sguardo domina

E sento ancora addosso le tue mani
Ti vedo mentre guidi a fari spenti
Vite fragili come origami
Ed era tutto lì in quei pochi istanti
Il mistero di cercarsi

Settembre di te cosa mi rimane?
Perché sono ancora nostre
Le nostre promesse mai rese?

E sento ancora addosso le tue mani
Ti vedo mentre guidi a fari spenti
Vite fragili come origami
Ed era tutto lì in quei pochi istanti
Il mistero di cercarsi

Nella stanza un beat che rimbalza
Il sex appeal si mastica
Roulette russa, pelle che scotta
L’aria si fa elettrica
Occhi chiusi, tutto che gira
La tua bocca luccica
Luce brilla nella pupilla
Il tuo sguardo domina

Notte densa, manto di stelle
La tua mente criptica
La mia gamba dondola
La mia gamba dondola

Leggi anche: