L’amica geniale serie tv: ecco le ragioni per cui merita una possibilità

24 novembre 2018
4 Condivisioni 127 Visualizzazioni

Se avete divorato la quadrilogia  di Elena Ferrante sarete contenti di sapere che il 28 novembre approda sulla Rai L’amica geniale serie tv.

 

L’amica geniale serie tv è una produzione internazionale tra Rai, HBO e TimVision, articolata in 8 puntate da 50 minuti ciascuna, sotto la regia di Saverio Costanzo.

Lo scorso ottobre al cinema è stata disponibile l’anteprima per chi non poteva aspettare la messa in onda e posso dirvi che questa serie merita decisamente una possibilità.

La trama è fedelissima al libro, racconta l’amicizia tra Elena Greco e Raffaella Cerullo (Lila), due bambine cresciate in un rione periferico di Napoli negli anni Cinquanta. Le due si conoscono a scuola e diventano amiche a poco a poco, rimanendo legate per il resto della vita.

Attraverso i ricordi di Elena (la cui voce narrante fuori campo è affidata ad Alba Rohrwacher), vedremo le due protagoniste crescere leggendo insieme Piccole donne, cercarsi quando la vita le allontanerà, amarsi e odiarsi intensamente.

Decisiva è stata la scelta delle interpreti che dovevano ricoprire i ruoli di Elena e Lila, dato che la serie è interamente girata in dialetto napoletano, con tanto di sottotitoli per agevolare i telespettatori.

Per trovare le protagoniste perfette di L’amica geniale serie tv sono state provinate tantissime bambine di Napoli e provincia e alla fine la scelta è ricaduta su Elisa Del Genio (napoletana doc), che interpreta Elena da bambina, e su Margherita Mazzucco. Ludovica Nasti (anche lei campana ma di Pozzuoli) è la Lila bambina mentre Gaia Girace la sua omologa adolescente.

Trattandosi di una serie tratta da romanzi non stupisce che alla sceneggiatura abbiano lavorato la stessa Elena Ferrante ma anche Francesco Piccolo e Laura Paolucci, con l’intento di rimanere il più possibile vicini allo spirito dei libri.

Naturalmente non possiamo ancora sapere se ciò sia avvenuto ma solo il pubblico degli appassionati della Ferrante potrà decretarlo, e chissà che il successo televisivo non spinga l’autrice a rivelarsi finalmente, per la gioia di tutti i suoi fan.

 

LEGGI ANCHE:

Perché Jack Frusciante è uscito dal gruppo è il romanzo di formazione dei millennial

I Malavoglia: un incubo scolastico dei Millennial, che dovremmo rileggere

La ragazza del convenience store recensione: breve guida Millennial per aspiranti lavoratori part-time ai tempi di Amazon

 

Potrebbe interessarti

Ripercorriamo l’anno tramite i principali trend Instagram 2018: perché tutti questi cuoricini?!
Internet
17 visualizzazioni
Internet
17 visualizzazioni

Ripercorriamo l’anno tramite i principali trend Instagram 2018: perché tutti questi cuoricini?!

Anna Giulia Bevilacqua - 14 dicembre 2018

Il 2018 volge al termine ed è arrivato il momento di tirare le somme. Ma, se per la vostra vita…

Difendere Sfera Ebbasta: lo fanno i giornali dei vecchi ed è pubblicità occulta
News
18 visualizzazioni
News
18 visualizzazioni

Difendere Sfera Ebbasta: lo fanno i giornali dei vecchi ed è pubblicità occulta

The Millennialist - 13 dicembre 2018

Il cantante di Cinisello è colpevole o innocente nel caso della tragedia di Corinaldo? All'indomani della tragedia di Corinaldo, mancava…

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte
Arte
8 condivisioni45 visualizzazioni
Arte
8 condivisioni45 visualizzazioni

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte

Valeria Mangano - 13 dicembre 2018

Se dico Il nome della Rosa probabilmente pensate prima a Sean Connery e solo dopo a Umberto Eco. Questo perché…