Dark Polo Gang sì, Dark Polo Gang no: la storia infinita

1 luglio 2017
4 Condivisioni 956 Visualizzazioni

Inizio dicendo che:

  • Ho più di 20 anni;
  • Mio padre lavora legalmente e mia madre non è una prostituta;
  • Ho il vostro stesso numero di cromosomi e sento di godere di un gran… QI;
  • Penso di avere un buon udito e quasi tutti i sensi abbastanza sviluppati (beh, non tanto quanto Peter Parker, ma ne vado comunque fiero).

Questo preambolo è stato fatto per non ricevere insulti banali dai grandi ascoltatori del rap game italiano, che in questo periodo stanno combattendo la guerra più grande degli ultimi 5 anni: Pischelletti Dark vs Crociati della rima.

La Dark Polo Gang è un collettivo romano che è spuntato dalla rete come un fungo e che sta facendo grosso clamore per il suo stile, la sua (poca) tecnica musicale, i testi decisamente non-oxfordiani e il suo eccessivo, estremo, tasso di ignoranza.

Questi fattori che li contraddistinguono hanno fatto nascere una vera e propria Civil War a colpi di insulti sui social dove, questi ragazzetti (o come li chiamano, “pischelletti”)  rincorrono i loro idoli per strada, mentre i Crociati della rima offendono/pestano questi pessimi esempi dell’evoluzione lirica e musicale.

A mio parere questi ragazzi sono partiti male, a tratti malissimo… Forse peggio di loro non c’è mai stato nessuno. Vedo però che nelle ultime canzoni si stanno riprendendo e, se non hai particolari esigenze di contenuti complicati e non sei un PC (Politicamente Corretto), magari qualche ascolto a “Caramelle” , che no, non parla di Goleador e Haribo, glielo puoi dare.

Ma passiamo alla parte interessante dell’articolo.

Perché dovresti ascoltare la Dark Polo Gang?

  • Hai meno di 18 anni e vabbè, ci siamo passati tutti da quell’età.
  • Ti serve quell’attimo di ignoranza totale quotidiana
  • Siete voi la moda, ok scs!1!!1! 6 meglio tu XD!

Perché non dovresti ascoltarli?

  • “Il rap è quella disciplina che bla bla bla”
  • “Io nella musica ascolto i testi, e se non ci sono quelli non ha senso… e poi disse: «senti che bella la nuova canzone dell’Amoroso»
  • Hai determinati valori che non vuoi trascendere. Tu sì che sei un uomo, amico.

Un finale colto?

In tutto c’è un bene e un male e, se vogliamo definire la Dark Polo Gang (il nome incute timore) come il male, quel poco di male durante l’arco della giornata o della settimana può aiutarvi un pochino. Lo dicono anche i medici che ogni tanto staccare un po’ dalla noia e dalla banalità della routine fa bene.

Potrebbe interessarti

Scarpe V design: lusso intelligente per Millennial dal cucchiaio di legno
Moda
7 condivisioni65 visualizzazioni
Moda
7 condivisioni65 visualizzazioni

Scarpe V design: lusso intelligente per Millennial dal cucchiaio di legno

Consuelo Crespi - 20 ottobre 2018

Le scarpe V design sono un connubio di lusso e minimalismo, e un ritorno all’artigianalità italiana. Per Millennial che, al…

Something in the Way testo: i Nirvana ci hanno rovinato l’adolescenza  
Cultura
2 condivisioni52 visualizzazioni
Cultura
2 condivisioni52 visualizzazioni

Something in the Way testo: i Nirvana ci hanno rovinato l’adolescenza  

Consuelo Crespi - 19 ottobre 2018

Questa mattina mi sono svegliata e, scrollando le varie pagine social, una notizia spaventosa mi è capitata davanti agli occhi. “NIRVANA REUNITED”, con l’immagine…

Euforia, il nuovo film di Valeria Golino: il coitus interruptus della morte
Arte
2 condivisioni59 visualizzazioni
Arte
2 condivisioni59 visualizzazioni

Euforia, il nuovo film di Valeria Golino: il coitus interruptus della morte

Valeria Mangano - 19 ottobre 2018

Euforia è il nuovo film di Valeria Golino, seconda opera dopo l’esordio alla regia con Miele (2013). Se state immaginando…