Vuoi smettere di fumare? Non guardare queste serie tv

Al
11 novembre 2017
4 Condivisioni 1813 Visualizzazioni

L’unico modo per smettere con un vizio è iniziare con un altro. O almeno così dicono. Di sicuro, se state cercando di smettere di fumare, è caldamente consigliato astenersi dalla visione di queste serie tv.

Peaky Blinders

Ambientata nella Birmingham grigia e già di per sé fumosa degli anni ’20, racconta la storia della famiglia Shelby e della sua scalata al successo grazie al crimine organizzato. Il motivo principale per cui dovreste immediatamente chiudere lo schermo del pc e rifugiarvi nella vostra scorta di caramelle balsamiche? La frequenza con cui i protagonisti si accendono una sigaretta dietro l’altra – senza esagerare una media di tre sigarette al minuto. Come sventolare una barretta di cioccolato davanti a qualcuno nel primo giorno di dieta. Se volete smettere di fumare, la famiglia Shelby non è una compagnia raccomandabile.

True Detective

Si parla ovviamente della prima stagione e dei monologhi infiniti di Rustin Cole (Matthew McConaughey). È stata definita geniale, brillante, probabilmente la migliore serie del 2014 e un prodotto di culto per tutti gli amanti del genere, ma, a onor del vero, molte delle riflessioni in solitaria del buon Rust richiedevano davvero un grandissimo sforzo per essere capite; anche ben più di uno sforzo, decisamente una buona sigaretta.

The Walking Dead

Dopo tre stagioni assolutamente impareggiabili, la qualità della serie è andata calando, e nemmeno la tensione di un’apocalisse zombie è riuscita a ravvivare un mare di discorsi senza senso ed una serie infinita di scene vuote cullate dal rantolio perpetuo dei non-morti. La noia vi spingerà ad aggrapparvi ad ogni grammo di nicotina rimasto nelle vostre scorte solo per non cedere al desiderio irrefrenabile di fare la stessa fine dei vaganti.

Black Mirror

Mind-blowing è l’aggettivo migliore per descrivere questa serie. In altre parole: sconvolgente. La dipendenza dalla tecnologia portata all’estremo delle sue conseguenze. Uno schermo nero che fagocita ogni riflesso di umanità e ci restituisce l’immagine di automi totalmente schiavizzati, spesso e volentieri senza possibilità di redenzione. Alcuni episodi sono talmente realistici da farti dubitare della realtà stessa, da farti chiedere se quella che stai vivendo sia verità o finzione. Il livello di ansia ad un certo punto sarà talmente alto che smettere di fumare, privarsi di una sigaretta,  sembrerà ancora più crudele che togliere il ciuccio a un bambino.

In fin dei conti però le serie tv creano forse più dipendenza della nicotina (se non ci credete date un’occhiata qui), quindi potrebbe accadere esattamente il contrario, che torniate al fumo per riuscire a prendervi una pausa dallo schermo, oscillando sempre da un vizio all’altro.

 

LEGGI ANCHE: Stranger Things 2. Ecco come sopravvivere a un binge watching mostruoso 

Potrebbe interessarti

La Milano Fashion week settembre 2018 ha riaperto la piaga delle calze femminili
Moda
1 condivisioni53 visualizzazioni
Moda
1 condivisioni53 visualizzazioni

La Milano Fashion week settembre 2018 ha riaperto la piaga delle calze femminili

Anna Giulia Bevilacqua - 24 settembre 2018

Nel best of della Milano Fashion Week settembre 2018 rientrano di certo i collant della collezione Moschino realizzata da Jeremy…

Festival della Statistica: i millennial non si riproducono. Rischio estinzione
Famiglia
40 visualizzazioni
Famiglia
40 visualizzazioni

Festival della Statistica: i millennial non si riproducono. Rischio estinzione

The Millennialist - 24 settembre 2018

Andate, andate nei bordelli delle bambole di silicone: fra 100 anni in Italia ci saranno solo 16 milioni di abitanti…

Morire di Selfie: la storia del fotografo che decomponeva la gente
News
2 condivisioni149 visualizzazioni
News
2 condivisioni149 visualizzazioni

Morire di Selfie: la storia del fotografo che decomponeva la gente

Mordeicani Richler - 23 settembre 2018

Morire di selfie. Racconto su un fotografo che si è suicidato per immolarsi alla suprema arte dei Millennial. Giorgio era…