La crisi delle app di dating spalanca le porte dell’abisso per i millennial in cerca d’amore

Lilia Alpa
21 Maggio 2020
1079 Visualizzazioni

Ehi, morti di fifa, che ne sarà delle app di dating? Oggi abbiamo capito che esistono due tipi di persone: quelli che hanno conosciuto qualcuno in chat e quelli che mentono

Noi Millenial ci siamo abituati gradualmente alle applicazioni di dating o alle chat quindi non abbiamo mai vissuto (o per lo meno sofferto) quello stigma sociale che trapelava da una relazione nata grazie a una chat.

Noi sempre più individualisti, noi con più seguaci che amici. Signora mia dove andremo a finire noi, che ci siamo innamorati più dalle parole che degli sguardi?

Siamo una generazione di timidoni sociopatici ed è bene ammetterlo e prenderne coscienza. Appurato ciò, è innegabile che potenzialmente ciò che si scatena da una chat colpisca e coinvolga direttamente le nostre vulnerabilità più recondite.

Ammirare una bella foto è ormai cosa da tutti i giorni, alla quale non facciamo nemmeno più caso.

Avere una conversazione per iscritto e instantanea significa invece avere immediato accesso a qualcuno forse di più rispetto all’aperitivo con l’amico dell’amico.

Solitamente l’iter è: prima scrivi, poi parli, poi incontri; l’esatto inverso di ciò che facevano i nostri genitori.

Una volta implicati in una relazione si eliminano le app di dating e i relativi profili o, per lo meno, è quello che ci si aspetta da una relazione monogama.

Tenendo presente che nelle chat di ognuno di noi ci sono sentimenti, speranze, sogni e contraddizioni, questo periodo di quarantena ha portato a riflettere un po’ su tutto ma ancor di più ad analizzare questi meccanismi con più lucidità, aiutati da una dose massiccia della miglior medicina di sempre: il tempo.

Ogni storia è stata messa alla prova: sia quelle canoniche che meno, ognuno ha avuto la possibilità di riflettere su di sè e sul proprio futuro come mai in precedenza. Questo vale per le coppie, per gli amanti, ebbene sì, anche per i pescatori a strascico, altrimenti noti come felicemente single.

Source: Visual Capitalist

Se prima era normale organizzare un’uscita con qualcuno di piacevole, dopo aver verificato quei due parametri di compatibilità scorgibili da una chat, adesso si è tutto congelato a quella fase.

Ammesso e non concesso che le chat siano tra i primi ricettori di ludico autoerotismo, che cosa è successo a tutto quel carico di dopamina che, solitamente, veniva rilasciata più o meno regolarmente dalle nostre scatole craniche e/o multimediali?

Gli innamorati scalpitano, mossi dall’unica fonte di piacere a lor permessa.

I pescatori (sia a lenza che a strascico) si dicono in gran parte tranquilli, probabilmente sedati dalla mancata prospettiva e abbagliati da nuove attività assai meno stressanti e dispendiose.

Forse, in parallelo con le aperture dei locali pubblici, ricominceranno a chattare promettendo focose passeggiate nei parchi a due metri di distanza oppure, si renderanno conto della mediocrità di alcuni rapporti privilegiandone altri? Chissà.

Ma i veri eroi di questa quarantena sono loro: i single da poco. Loro hanno corso il rischio di inciampare nei propri passi. Manchevoli di nuovi stimoli, hanno respirato a pieni polmoni tutta la solitudine presente nell’aria circostante.

E , in parte rasserenati dalla staticità del momento, si sono rassegnati o caricati di buoni propositi o idee.

La vita è un flusso di stimoli che ci muove e ci ferma a seconda delle situazioni.  A chi non ha sfruttato questo periodo per mettersi alla prova come fidanzato, amante e sopratutto individuo, non resterà altro che reggere la sua canna, sulle sponde del suo fiume, in balia degli eventi.

LEGGI ANCHE:

Vuoto il sacco: tutti i miei fallimenti con le app di dating

Ostentare l’amore su Facebook: il troppo (social) stroppia (la realtà)

Flirtare in chat è tradimento? Forse no: a volte preserva da quello fisico

Il Principe Azzurro non esiste. Un libro sulla più grande bufala della storia