Chi è Liberato? Smascheriamo la nuova tendenza musicale

29 ottobre 2017
5 Condivisioni 297 Visualizzazioni

Chi è liberato? Di certo è la nuova voce “indie-rap-neomolodica” di Napoli. Eppure per ora non ha nome né volto…

Nove maggio m’hê scurdat’, T’hanno visto ca’ turnavi ‘nziem’ a ‘n’at'”

Quante volte un tipico Millennial del Nord Italia ha provato ad intonare questo ritornello in un dialetto napoletano storpiatissimo?

Se non l’avete mai canticchiato, probabilmente, non ne avete ancora sentito parlare, nonostante la fama che ha conquistato sul web.

Liberato è un genio del marketing, musicalmente è un passo avanti, ma è ancora sconosciuto, ovvero “nessuno” l’ha mai incontrato o visto in concerto. Oppure chi l’ha visto è stato eliminato.

E se The Millennial avesse la risposta ai vostri quesiti? E se Liberato fosse davvero uno dei nomi elencati di seguito?

Scopriamoli!

Naoto Date

Chi è Liberato? Che domande, è Naoto Date. Il wrestling negli ultimi anni è un po’ passato di moda – con l’avvento di internet si è scoperta la finzione. Così, colui che una volta portava il nome di Uomo Tigre, dopo anni di disoccupazione e stenti, si è riciclato in Liberato. Ha imparato il dialetto napoletano attraverso un corso su Udemy.

Bruce Wayne

Il filantropo Bruce Wayne per poter continuare a finanziare il suo progetto di “Cavaliere Oscuro” ha deciso di mascherarsi da rapper. Se sei cresciuto orfano a Gotham e hai imparato tutte le arti marziali del mondo probabilmente le Vele di Scampia non sono così pericolose come “Le Iene” ci fanno credere.

Mezzosangue

E’ il “passamontagna” più famoso del rap italiano, però ipotizziamo che il rapper Mezzosangue, una volta tolto il passamontagna, indossi un cappuccio e canticchi in napoletano. Sarebbe veramente figo! Ma, temo, impossibile…

Ghostface

Di giorno, tenero cantante con l’autotune con testi d’amore e malinconici. Di notte, spietato assassino che fa urlare (e spesso massacra) ragazze in bikini. Questo ritratto potrebbe rispecchiare Tommy Paradiso, ma ormai è un volto noto.

Tyler Durden

Chi è Liberato? Potremo essere noi, a nostra insaputa? Se così fosse: “Prima regola di Liberato è che non si parla di Liberato. Seconda regola di Liberato è che non si parla manco a se stessi di Liberato”.

A Milano, qualche mese, fa hanno annunciato il primo live di Liberato, ma sul palco si sono presentati Calcutta, Izi, Priestess e Shablo perciò lo scaltro Millennial non è caduto nella trappola.

Secondo voi chi potrebbe essere Liberato?

 

LEGGI ANCHE: Coez rappa: ho scritto ti amo sulla sabbia. Perché non piallarlo con una fresatrice?

Potrebbe interessarti

Arriva il burian: come difendersi dal freddo siberiano con gli hygge cocktail
Food & Drink
8 condivisioni7 visualizzazioni
Food & Drink
8 condivisioni7 visualizzazioni

Arriva il burian: come difendersi dal freddo siberiano con gli hygge cocktail

Mathilde Smith - 22 febbraio 2018

Ci avevano avvisati ed è arrivato: il famigerato burian. Rimandato il cappotto leggero, le gambe all’aria e l’aperitivo al sole.…

Ideologie morte, pelle viva. Il partito unico della lotta all’invecchiamento
Cosmetica
18 condivisioni38 visualizzazioni
Cosmetica
18 condivisioni38 visualizzazioni

Ideologie morte, pelle viva. Il partito unico della lotta all’invecchiamento

Federico Guiscardo - 21 febbraio 2018

Una generazione de-ideologizzata che fa fronte comune contro il vero nemico dell'Italia, del Mondo Libero, dell'Umanità, della Vita: la Morte…

Courtney Love oggi: musa new grunge per la primavera estate 2018
Moda
2 condivisioni32 visualizzazioni
Moda
2 condivisioni32 visualizzazioni

Courtney Love oggi: musa new grunge per la primavera estate 2018

Valeria Papa - 21 febbraio 2018

Kurt Cobain, frontman dei Nirvana, icona della musica grunge e degli anni '90, è rimasto nei nostri cuori come un…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi