Sono Giapponese! Lesson 47. Lottatori di sumo: se perdono fanno seppuku sportivo, e gli umarell san ci godono

17 settembre 2018
4 Condivisioni 423 Visualizzazioni

Chi è il Kiseno-Sato? Un “sumatore”, cioè uno dei lottatori di Sumo e, per di più, intitolatosi Yokozuna, livello tanto prestigioso nella classifica di loro bellissimi e forti ciccioni quanto Cintura nera di Judo. Forse tra poco gli suggeriranno di fare seppuku…cioè di ritirarsi dalla sua carriera. Ocio a domenica 23 settembre!

 

Temo che domenica prossima Kiseno-Sato, uno dei più cazzutoni lottatori di sumo viventi, di classe Yokozuna, darà l’addio alle battaglie. No, Kiseno-Sato san, non te ne andare! Il ragazzo giapponese, cioè io, ne ricaverebbe la tristezza del crisantemo.

In ogni torneo, i lottatori di sumo che hanno il titolo Yokozuna devono vincere preferibilmente 12 incontri su 15 come ci si aspetta da un onorevole Yokozuna. Se ne vincono meno di 8, dovrebbero essere loro stessi a decidere il proprio ritiro. Proprio come da un samurai sconfitto ci si aspettava il seppuku in epoca medioevale.

 

Il Kiseno-Sato ha vinto finora 6 partite su 8 nel torneo in corso. Ma la seconda sconfitta accaduta proprio la scorsa domenica in Giappone ha deluso tutti gli anziani che lo guardavano alla TV. Infatti è stata una sconfitta netta, da sacco di riso, che ci fa immaginare che cadrà altre volte come sacco di riso.

 

 

In Giappone puoi incontrare in giro tanti anziani che lo tifano, così tanti come quei vecchietti che controllano i cantieri a Milano, gli umarrell san. Il lottatore a rischio quindi deve rispondere proprio adesso alle loro aspettative perché gli umarell san tengono mani dietro loro onorevoli schiene e sono spietati.

 

Poi, nel caso del Kiseno-Sato, sappiamo un’altra cosa più clamorosa: negli ultimi 8 tornei, praticamente lui o non ha partecipato  per infortunio o ha smesso di combattere a metà. In breve, la sua carriera già zoppicava da tanto e gli umarell san guardavano con sacra bava alla bocca.

 

Sia per bene che per male, il Kiseno-Sato attira tutta l’attenzione del pubblico. Anche perché è l’unico giapponese tra gli Yokozuna. Infatti gli altri sono tutti mongoli. La sua posizione Yokozuna è come descritto di sopra molto particolare, e gli pone una grande responsabilità di vincere il torneo.

 

Il sumo è il nostro arte marziale nazionale. Qualcosa nazionale riflette la tradizione e cultura del paese. Alùra, diciamo che i giapponesi tradizionalmente si fanno la faccia in ogni secondo particolare della vita. Che patria che è!

 

LEGGI ANCHE:

Sono Giapponese! Lesson 46. La coda non è noiosa. E’ educazione giapponese, come il seppuku!

Starbucks Milano inaugurazione: i Millennial preferiscono vecchi baristi o turbobeveroni?

Sono Giapponese! Lesson 45. Usanze giapponesi strane: quando i ragazzi si rinchiudono in casa

Sono Giapponese! Lesson 44. Chi sono le persone famose giapponesi Millennial e della Generazione Z?

Potrebbe interessarti

Scarpe V design: lusso intelligente per Millennial dal cucchiaio di legno
Moda
7 condivisioni70 visualizzazioni
Moda
7 condivisioni70 visualizzazioni

Scarpe V design: lusso intelligente per Millennial dal cucchiaio di legno

Consuelo Crespi - 20 ottobre 2018

Le scarpe V design sono un connubio di lusso e minimalismo, e un ritorno all’artigianalità italiana. Per Millennial che, al…

Something in the Way testo: i Nirvana ci hanno rovinato l’adolescenza  
Cultura
2 condivisioni54 visualizzazioni
Cultura
2 condivisioni54 visualizzazioni

Something in the Way testo: i Nirvana ci hanno rovinato l’adolescenza  

Consuelo Crespi - 19 ottobre 2018

Questa mattina mi sono svegliata e, scrollando le varie pagine social, una notizia spaventosa mi è capitata davanti agli occhi. “NIRVANA REUNITED”, con l’immagine…

Euforia, il nuovo film di Valeria Golino: il coitus interruptus della morte
Arte
2 condivisioni59 visualizzazioni
Arte
2 condivisioni59 visualizzazioni

Euforia, il nuovo film di Valeria Golino: il coitus interruptus della morte

Valeria Mangano - 19 ottobre 2018

Euforia è il nuovo film di Valeria Golino, seconda opera dopo l’esordio alla regia con Miele (2013). Se state immaginando…