fbpx

Catalogo dei MILLENNIAL #129 Filippo Tortu. La tua enciclopedia dei millennial

6 Agosto 2021
445 Visualizzazioni

Chi è Filippo Tortu, vincitore della 4×100 alle Olimpiadi di Tokyo

NOME: Filippo Tortu  
LUOGO NASCITA: Milano
DATA NASCITA: 15 giugno 1998
SETTORE: Sport (Atletica)
NAZIONALITÀ: Italiana
MILLENNIAL FACTOR: Resilienza

Chi è?

Nelle Olimpiadi di Tokyo, le più medagliate della storia d’Italia, Filippo Tortu ha battuto in volata allo sprint – per un centesimo di secondo – l’inglese Mitchell Blake, vincendo così insieme a Jacobs, Patta e Desalu la medaglia d’oro nella staffetta 4×100, con tanto di record italiano.

Un’impresa eccezionale, che rende gli azzurri gli atleti più veloci del mondo: se qualcuno l’avesse pronosticato prima dei Giochi Olimpici, sarebbe stato come minimo preso a pernacchie. Adesso le pernacchie vanno dedicate soltanto ai rosiconi che già si erano messi a pontificare sui media e sui social sulla fallimentare spedizione italiana a Tokyo.

 

Sin da giovanissimo Tortu ha fatto capire che poteva diventare un velocista di primissimo livello, se non l’erede quantomento un atleta in grado di rapportarsi con i due più grandi italiani di sempre in questa categoria, Livio Berruti (il suo idolo) e Pietro Mennea.

Proprio a Mennea nel 2018 ha tolto il primato italiano sui 100 metri, che il barlettano aveva stabilito nel 1979 con il tempo di 10”01. Con 9”99 Tortu è diventato il primo italiano nella storia capace di scendere sotto i dieci secondi.

Guarito dal covid, Tortu si è presentato alle Olimpiadi di Tokyo non al meglio della condizione: nei 100 metri si è fermato alle semifinali. Poi l’impresa con una corsa da ultimo staffettista che ha ricordato quella di Mennea alle Olimpiadi di Mosca nel 1980, che gli valse l’oro nei 200 metri in rimonta sul britannico Allan Wells.

La rimonta di Tortu nell’ultima frazione della staffetta è un messaggio sia per i millennial che per ogni generazione: non importa se e come si cade, ma come ci si sa rialzare. Anche e soprattutto se le Olimpiadi vengono rinviate di un anno, il covid ci si mette di mezzo a fare pezzi la preparazione e un atleta della stessa nazionale si prende tutta la ribalta nella gara alla quale si punta sin da bambini. Per questo motivo se l’oro nella 4×100 ha un valore immenso, per Tortu significa davvero molto di più.

Filippo Tortu sui social

Instagram

 LEGGI ANCHE:

Guarda il nostro Catalogo dei Millennial, potresti riconoscerti

Leggi anche: